Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2009

Back to the city

Allora, siamo di nuovo nell' afa cittadina, in quella di Reggio Calabria, a casa di Nonna In Blue Jeans, dompio dieci fantastici giorni di montagna, fresco, alberi eccetera... Siamo pronti a tornare nella capitale del Sud, alias Bari, patria delle vocali aperte, delle parole smozzicate e delle cozze nere.
L'esperienza Nano in montagna è stata un successo.
Abbiamo all'attivo
2 denti e un pezzettino, messi senza dire "nè ai nè bai"
un inizio di deambulazione autonoma, della serie da qui a lì,
un inizio di conversazione:
Mamma -io o la pappa-
Pappa -il Tu
Bau - il cane
baubau -il gatto
Ba o Va - la nonna

non c'è che dire, facciamo progressi.
Lati negativi:
vita sociale: zero
dieta :zeromenomenomeno
sesso: zero
Domani ci aspetta la traversata della Calabria Saudita, carichi come un circo ambulante.
Speriamo bene...

There's a place...

Sono a Gambarie d'Aspromonte, 13oomt sul livello del mare.
Nella casa che mio nonno ha costruito 52 anni fa, che è stata bruciata 31 anni fa per errore dal mafioso di turno. La casa con i miei faggi che toccano il cielo, con gli alberi di Natale dei miei primi dieci anni piantati nel giardino, perchè non volevo che morissero, e adesso il più alto supera i trenta metri.
La mia casa. L'unico posto davvero mio.
Oggi c'è il nano con me.
La montagna gli piace (almeno questa!)
Ride, e scherza, mangia come un leone, salta come un grillo e caca come un elefante!
Ma sopratutto dorme!
A ninna alle 20.30, 20.45 al massimo... Adesso lo raggiungo: QUESTA SI' CHE E' VITA!

A delinquere S.P.A.

Sapevo che sarebbe successo, prima o poi.

Ora di pranzo. La famiglia in blue jeans è a tavola, io e il Tu alle prese con una pasta alle zucchine e il nano tutto intento a "ciucciarsi" un pezzo di pane.
Sembra contento. Lo tengo d'occhio, nel caso in cui stacchi -rigorosamente SENZA denti-, un pezzo di pane troppo grosso. E' un attimo:
"AAAAAAEEEEEEEEHHHHH!" strilla il nano.
Il cane-in-blue-jeans si materializza di fianco al seggiolino, tende il muso con lo sguardo umido e un pò patetico tipico del bastardino,e con la delicatezza più delicata del mondo (!!!!!!!!!!!!!) apre la bocca di 2, 3 cm. Il nano ride, butta uno sguardo a suo padre (complice già da ora) e allunga la manina col pane inzuppato di saliva. Macli apre un altro pochino la bocca, e tira via con dolcezza il bocconcino che il suo minipadrone gli offre.
Il Tu mi guarda; è tutto fiero della sua prole -umana e no- e allunga al nano un altro pezzo di pane.
Cinque minuti:
"AAAAAAEEEEEEEEHHHHH!" st…