martedì 26 aprile 2011

papà..prrr

Scernetta: il nano si è appena svegliato dal pisolino pomeridiano
"zao papà...ove tei ttato?.."
"al lavoro" "annte io! ho pesato a fammazia, ho vitto una umaca e i tuttoli... ho pappa pola e ho fatto plizzi..."e nel dire questo salta su in piedi con l'indice vicino alla boccuccia
"hai pesato una farmacia, haimvisto una lumaca, i cuccioli e hai dato da mangiare a tua sorella? e poi hai fatto i capricci? e perchè?"
" io vedere popoto... mamma no... "
"amore mio, non puoi sempre vedere il dvd con l'ippopotamo...poi mamma si arrabbia e dice di no...capisci?"
"papà...prrrr"

Illuminante conversazione tra i maschi di casa. Io sono la strega che impedisce di vedere dvd, lo porta in farmacia, gli modstra lumache e cagnolini e lo fa aiutare allaprima pappa della sorella (che, per inciso, si è mooolto divertita). Lui è quello che si becca le pernacchie

lunedì 18 aprile 2011

Trucco&Parrucco

Allora... la settimana scorsa mi ha regalato una volata in ospedale perchè il nano si è ustionato sul collo (leggi: dalla pentolina della pasta alcune gocce di acqua bollente volavano sul suo collo...come? mistero: Nonnaccì cambia versione ogni volta, la prossima salterà fuori che E' COLPA MIA...ma lasciamo stare), poi, unascappata dal pediatra che la pigola si è beccata l'otite. Aggiungiamo il lavoro, le notti a singhiozzo...insomma... sono arrivata a sabato con i capelli a carciofo e due lenzuola per occhiaie. E allora l'ho fatto. Strafottendomene del commento del Tu, dei possibili pianti dei miei figli, delle deboli scuse di mia suocera,...Ho pensato che un nuovo look mi avrebbe dato una carica di energia (e un'aspetto meno stanco)..quindi SABATO LI HO MOLLATI TUTTI E SONO ANDATA DAL PARRUCCHIERE Sia chiaro, non il mio fighissimo e carissimo parrucchiere, quello che ti tocca il cuoio capelluto e il capello ricresce manco fosse cesare ragazzi in persona...ma il oparrucchiere dietro l'angolo, quello della mia amica L., che me ne ha cantato le lodi. Primo errore: mai affidare quaranta centimetri di capelli a uno così...ma vabbè..proviamo. Ok, solo un'ora di attesa, passata al cazzeggio mentale tra riviste di gossip (praticamente solo io non sapevo che la marcuzzi se l'intendre col facchinetti), e you hair...dove tipe bellissime mostravano i taglie le acconciature più assurde. Ecco, tocca a me: shampoo alla mandorla, e il signor Franco (che non si avvicina nemmeno lontanamente al mio vecchio, caro parrucchiere) inizia a tagliare. Ah, il suono delle forbici che sfoltiscono la mia fu lunga chioma, le ciocche che cadono in onde eleganti sul pavimento..e il telefono. Il telefono...Oh cazzo il telefono "Si pronto...ah. la pigola è sveglia, manè presto...mi sta tagliando...ah..piange..ok.....MIìi scusi, potremmo velocizzare un pò la cosa...a casa mia figlia di cinque mesi urla che ha fame" Allora, qual'è la cosa da non fare assolutamente quando un'estarneo ha i vostri capelli in mano? MAI METTERGLI FETTA. Sono tornata con i capelli una via di mezzo tra Caterina caselli in "insiemeatenoncistopiù" e la Orietta Berti. Devo ancora riprendermi dallo shock.

giovedì 7 aprile 2011

Uscito

Lunedì i nonni in blue jeans sono FINALMENTE ritornati in Calabria Saudita, lasciandoci un bel pò< di bacilli in eredità (tradotto: il nano con la febbre) e un briciolo di privacy (tradotto:...lasciamo stare...se il nano ha la febbre la privacy va a farsi un giro) Il mitico trasloco dello studio è finito (ci mancano ancora porte e autorizzazioni, ma almeno non devo pagare più fitto e mutuo), devo oganizzarev il battesimo di Pigolina, ho una forte carenza di ferro e un sonno formato famiglia. In tutto ciò, stamattina il Tu fa questioni all'asilo. Una delle maestre pretendevail certificato medico per riammettere il nano. Allora: sul regolamento dell'asilo c'è scritto che se il bimbo m,anca da più di 5 giorni bisogna portare il certificato. Lui lunedì aveva febbre, martedì e mercoledì no e quindi oggi abbiamo deciso di riportarlo. La maezstra, che evidentemente non voleva pulirgli il naso o che, ha iniziato a blaterare di malattie esantematiche e di bene della comunità.. il Tu, cheera già stanco e incazzato per i fatti suoi, non si è fatto sfuggire l'occasione di una sana discussione. Peccato che, dopo, sono andata io a riprenderlo, e ... Maestra: il bambino è tutto rovinato.. io: ha solo una laringite... i muchi si sztanno sciogliendo... M: sta in apnea... ma il pediatra che dice? io: che ha preso un colpo d'aria.. comunque è in terapia e.... M: sta prendendo l'ANTIBIOTICO? e lei ESCE IL BAMBINO CON L'ANTIBIOTICO?* io: guardi che non c'è scritto da nessuna parte che se uno prende l'antibiotico deve stare murato in casa... M: a me non risulta.. ma siamo sicuri che il pediatra... insomma, per la tipa il pediatra non era stato interpellato e io raccontavo balle e io e il Tu siamo due irresponsabili. M: non mi voglio prendere questa responsabilità.. domani ci porti il certificato medico. Allora, premesso che non ho ancora capito di quale responsabilità parlasse, sono andata dal pediatra e... io: ciao dott.B. come stai? lui: bene..tu hai un aspetto orrendo io: sto un pò esaurita... sen ti la maestra...il nano ...il certificato... lui: ma che cretina. I CERTIFICATI SI PORTANO DAL SESTO GIORNO DI ASSENZA..HA FATTO BNENE TUO MARITO A RISPONDERLE...SE TI FA ANCORA PROBLEMI DILLE DI CHIAMARMI CHE L'AGGIUSTO IO. Il dott. B. è andato in escandescenza....spero che alla tipa vada tutto bene o passerà un brutto quarto d'ora... *(a Bari si usa il verbo "uscire" in modo piuttosto improprio...non si dice "hai portto il cane fuori?" ma "hai uscito il cane")