Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2011

Se...

...ti ritrovi con i tuoi genitori per casa, che sono venuti per "darti una mano", ma che in realtà pesano ancora di più sulle tue spalle stanche. Se tuo figlio decide che dormire è una perdita di tempo, e tua figlia rifiuta braccia che non siano le tue. Se tuo marito decide di fare il muratore per finire i lavori in studio prima di sabato "così i tuoi vanno via e tu ti rilassi un pò", e sono tre giorni che torna a casa dopo mezzanotte. Se ti senti stanca, pressata e prossima alla calvizie, e compri il "KERAMINE H" per evitare di comprare un toupè prima dei quaranta. Se ti sei regalata il necessarie per la ceretta fai da te per il tuo compleanno...ma è ancora imballato in una busta. Se pesi meno di quando sei rimasta incinta e non riesci a gioirne... ...forse hai bisogno di mandare tutti affanpuffo e di pensare a te...

Compleanni

Martedì ho compiuti 32 anni.
L'evento, che se avessi avuto meno impegni, più soldini e un briciolo di entusiasmo da parte del Tu, sarebbe stato festeggiato in grande stile con amici e colleghi (i parenti tendo a lasciarli fuori da certe cose). Invece, complici l'imminente trasloco dello studio e i costi relativi allo stesso, si è tradotto in un pranzo io mammete e Tu domenica. Per l'occasione Nonna in blue jeans e Nonnippo sono arrivati dalla Calabria Saudita (in piena crisi di astinenza da nipoti), e Nonnaccì e Nonno Felix sono venuti a pranzare con noi.
A parte un paio di battute infelici sul mio "menage familiare" si è svolto tutto bene. Le due suocere non si sono staccate la testa a morsi, anzi.. erano coalizzate su un paio di cose, tipo: i miei capelli -tagliali!- i miei impegni -fai troppe cose- e ,macosavelodicoafare?, i miei nani.
Le arzille signore sono state immediatamente zittite e messe a lavare i piatti. Amen.
Questo domenica.
Martedì mi sveglia un nano c…

Il marito innamorato

Scenetta. Il Tu ha la Pigola in braccio. La guarda con occhio da triglia, le fa i versetti e le smorfie.
Lei risponde con risatine e sorrisoni tuttagengiva.
"piccolina mia...sei bella QUASI quanto la mamma..."
E io mi metto a piangere....

L'artista e lo yoga

prendi un nano. modello trenta mesi, riccioli e manine paffute.
Mandalo all'asilo: sai che un giorno -guarda caso la domenica in cui tu hai quella conferenza a cui non puoi mancare- inizierà a vomitare modello "riposseduta" con un getto di un metro e passa, beccando, nell'ordine:
se stesso
le tue scarpe fighissime e scamosciate
il pavimento
il tappeto gioco di tua figlia di tre mesi.
OK. Fai yoga, imprecando contro un destino infido e bastardo; rinunci alla conferenza, e passi tre giorni attaccata a lui, facendogli i grattini per il mal di pancia, leggendo libri e improvvisando balletti che se ti vedono i vicini chiamano la neuro.
Cosa accade la mattina del quarto giorno?
accade che tu sei atterrata da un "butto" che non ti fa neanche alzare dal letto -pena lo svenimento- e che lui non può allontanarsi per più di te metri dal bagno. Il virus del nano si è accanito sui suoi genitori facendone polpette.
E cosa fa il nanetto per tirarci su?
FA CHE AFFERRA DUE PASTELLI …

Un nano per aumentare l'autostima

"Allora nano, ti sei divertito all'asilo?"
"Tìììì,..io ero ppada, liia era vettita giallo, poi lei viaaaa!" (Sì, ero fantastico nel mio vestito da antico romano, di cui la spada era la cosa più importante. La mia amica Lilia era vestita da Titty o da Limone, però poi è scomparsa.. forse è andata a casa sua, non so)
"e allora, ilprossimo anno da cosa ti vuoi mascherare?"
"Io ppada mamma... amche papà ppada, anche Paoa, anche Mati, ma lui toda!" (Non mi importa, basta che ci sia una spada... anche papà deve avere un costume con la spada, anche mia sorella, anche il mio cane, ma il suo deve avere lo spazio per la coda)
"..e mamma? niente spada per la mamma?"
"no...mamma PINCESSA!"

Colloquio tra me e il nano all'indomani della festa di carnevale a scuola.
Dalle due del pomeriggio cammino a due dita dal suolo...