Passa ai contenuti principali

Uscito

Lunedì i nonni in blue jeans sono FINALMENTE ritornati in Calabria Saudita, lasciandoci un bel pò< di bacilli in eredità (tradotto: il nano con la febbre) e un briciolo di privacy (tradotto:...lasciamo stare...se il nano ha la febbre la privacy va a farsi un giro) Il mitico trasloco dello studio è finito (ci mancano ancora porte e autorizzazioni, ma almeno non devo pagare più fitto e mutuo), devo oganizzarev il battesimo di Pigolina, ho una forte carenza di ferro e un sonno formato famiglia. In tutto ciò, stamattina il Tu fa questioni all'asilo. Una delle maestre pretendevail certificato medico per riammettere il nano. Allora: sul regolamento dell'asilo c'è scritto che se il bimbo m,anca da più di 5 giorni bisogna portare il certificato. Lui lunedì aveva febbre, martedì e mercoledì no e quindi oggi abbiamo deciso di riportarlo. La maezstra, che evidentemente non voleva pulirgli il naso o che, ha iniziato a blaterare di malattie esantematiche e di bene della comunità.. il Tu, cheera già stanco e incazzato per i fatti suoi, non si è fatto sfuggire l'occasione di una sana discussione. Peccato che, dopo, sono andata io a riprenderlo, e ... Maestra: il bambino è tutto rovinato.. io: ha solo una laringite... i muchi si sztanno sciogliendo... M: sta in apnea... ma il pediatra che dice? io: che ha preso un colpo d'aria.. comunque è in terapia e.... M: sta prendendo l'ANTIBIOTICO? e lei ESCE IL BAMBINO CON L'ANTIBIOTICO?* io: guardi che non c'è scritto da nessuna parte che se uno prende l'antibiotico deve stare murato in casa... M: a me non risulta.. ma siamo sicuri che il pediatra... insomma, per la tipa il pediatra non era stato interpellato e io raccontavo balle e io e il Tu siamo due irresponsabili. M: non mi voglio prendere questa responsabilità.. domani ci porti il certificato medico. Allora, premesso che non ho ancora capito di quale responsabilità parlasse, sono andata dal pediatra e... io: ciao dott.B. come stai? lui: bene..tu hai un aspetto orrendo io: sto un pò esaurita... sen ti la maestra...il nano ...il certificato... lui: ma che cretina. I CERTIFICATI SI PORTANO DAL SESTO GIORNO DI ASSENZA..HA FATTO BNENE TUO MARITO A RISPONDERLE...SE TI FA ANCORA PROBLEMI DILLE DI CHIAMARMI CHE L'AGGIUSTO IO. Il dott. B. è andato in escandescenza....spero che alla tipa vada tutto bene o passerà un brutto quarto d'ora... *(a Bari si usa il verbo "uscire" in modo piuttosto improprio...non si dice "hai portto il cane fuori?" ma "hai uscito il cane")

Commenti

Laura GDS ha detto…
Hai fatto presente a quella mentecatta della maestra che sia tu che il TU (oddio che orrendo gioco di parole!) avete una laurea in medicina (omettendo il "veterinaria" perchè questa mi fa di ignorante col botto)?

Qui si fa l'autocertificazione: oggi la Mimi è tornata al nido dopo un tour di raffreddore, tonsillite, sesta malattia durato 2 settimane puntuali di cui solo una a casa.
Tornata con certificato di buona salute firmato dal veteriario ;)
muccachicca ha detto…
adoro "questo tipo di pediatri"... il mio è uguale, pronto a dar battaglia agli stolti!!!!!
Zia Atena ha detto…
Se la maestra anzichè stupirsi del fatto che avessu USCITO il bambino, lo avesse GIOCATO...sarebbe stato meglio...!!

Un bacio..e se passi dal mio blog c'è un piccolo pensiero per te...

Post popolari in questo blog

di alberi, presepi e altre amenità natalizie...

ci sono moltissime cose che non capisco.
davvero. e molte riguardano i bambini. non i miei nello specifico, ma in generale. e visto che siamo in un inizio di clima Natalizio, le mie perplessità aumentano. primo.
l'albero di Natale.  sui social è una gara a chi fa l'albero più carico, fashion, luminoso, elegante, originale, minimal e chi più ne ha più ne metta. bellissimi. superbi. da farmi schiattare d'invidia.  (non riuscirei mai ad essere così precisa, così perfezionista. mi farei fregare da una schifezza fatta dal mininano, o un lavoretto a quattro mani degli altri due. tanto valore affettivo, poca coreografia.) quindi, albero da vetrina.  salvo poi a dire che è stato fatto per i nani o con i nani. sarà che i tre sono pasticcioni, chiassosi e colorati.  sarà che il loro senso estetico è ...ehm...acerbo(???) ma quando ho dato loro in mano palline e stelle filanti l'unica contenta era la gatta, vista la quantità di giocattoli sparsi sul pavimento. quindi non tiriamoci…

palla fibrosa

accade che quella telefonata arrivi.
accade che il tono della voce dall'altro capo del filo sia basso, e strozzato.
accade che la frase inizi con "ti devo dare una brutta notizia".
pensi al tuo vecchio papà.
a S., principessa malata.

e pensi che lo sapevi che questa cazzo di telefonata sarebbe arrivata, che devi essere forte, che forse sarà un bene.
ma non sai, non immagini.

non puoi sapere che in un ospedale lontano un dottore illuminato ha proposto una risonanza magnetica per un bimbo all'apparenza sano, chissà cosa è scattato in quel dottore, chissà cosa di quel bimbo dagli occhi scuri non gli ha fatto dire di tornare a casa, lui e i suoi paranoici genitori.
chissà.
non puoi sapere.
da medico immagini il brivido nel leggere il risultato, quella scarica di adrenalina  di quando hai azzaccato una diagnosi. hai ragione, signor dottore.
il passo in sala operatoria è breve, l'operazione sarà lunga.
aprire una piccola testa, tagliare i riccioli bruni, togliere quell…

caro Babbo, ti scrivo...

che i tre fossero diversi, è cosa nota.
che tutti i bambini abbiano gusti e preferenze personali, e che i genitori/nonni/parenti si debbano adeguare, è un sacrosanto diritto di ogni nano.
che i miei di nani si divertano a scombussolarti la vita e i programmi...

di seguito copia delle letterine di Natale.
il mini, che per un ultimo anno non scrive ma detta, è stato alquanto ironico
dettato#1

"caro Babbo Natale,
sono Enrico.
per Natale voglio la pista di Cars, l'altra pista di Crs3 e la macchina di Cars3.
Ciao"

e no, caro mini... iniziamo da rivedere i tempi del verbo, che qui niente è dovuto.


"caro Babbo Natale,
sono Enrico.
per Natale voglio vorrei la pista di Cars, l'altra pista di Cars3 e la macchina di Cars3.
Ciao"

poi, va bene che Snoopy insegna che è la stagione dell'avidità, ma non esageriamo...


"caro Babbo Natale,
sono Enrico.
per Natale voglio vorrei la pista di Cars, l'altra pista di Cars3 e la macchina di Cars3.
Ciao"

infine, un …