Passa ai contenuti principali

di alberi, presepi e altre amenità natalizie...

ci sono moltissime cose che non capisco.
davvero.
e molte riguardano i bambini. non i miei nello specifico, ma in generale.
e visto che siamo in un inizio di clima Natalizio, le mie perplessità aumentano.
primo.

l'albero di Natale. 
sui social è una gara a chi fa l'albero più carico, fashion, luminoso, elegante, originale, minimal e chi più ne ha più ne metta. bellissimi. superbi. da farmi schiattare d'invidia. 
(non riuscirei mai ad essere così precisa, così perfezionista. mi farei fregare da una schifezza fatta dal mininano, o un lavoretto a quattro mani degli altri due. tanto valore affettivo, poca coreografia.)
quindi, albero da vetrina. 
salvo poi a dire che è stato fatto per i nani o con i nani.
sarà che i tre sono pasticcioni, chiassosi e colorati. 
sarà che il loro senso estetico è ...ehm...acerbo(???)
ma quando ho dato loro in mano palline e stelle filanti l'unica contenta era la gatta, vista la quantità di giocattoli sparsi sul pavimento.
quindi non tiriamoci balle: a tutte piace fare l'albero di Natale, ma almeno prendiamoci il merito.

poi..
... il presepe.
Gesù Bambino è nato in una grotta, con bue e asinello, e pastori. 
non in una discoteca.
continuo...
...
...
per la tradizione di non so che paese (anche perchè ho recentemente scoperto che Babbo Natale esiste in tutto il mondo) il caro Babbo porta i regali DI NOTTE.
mentre TUTTI DORMONO.
ok aprire i regali a mezzanotte. (ricordo con precisione il momento in cui si facevano distrarre i bambini a casa di nonna e ...BUM! sotto l'albero appariva un tripudio di pacchetti.
ma perchè...PERCHE'...affittare un Babbo Natale per far contento un pargolo? o costringere lo zio Nicola a mascherarsi? 
il nano vi sgama. S.I.C.U.R.O.
però gli fate pena e farà finta di niente. basta che nel sacco ci sia quello che vuole lui.

intanto a casa NUOVA (perchè si, ci siamo riusciti! dal 31 ottobre viviamo a casa nostra!), si è democraticamente deciso che lo spirito natalizio entrerà il primo dicembre, accompagnato da carole natalizie, glitter, pannolenci e colla a caldo. l'albero salirà dalla cantina il sette sera e sarà addobbato l'otto. il presepe a seguire.
sulla letterina dei regali stiamo ancora lavorando...




Commenti

Post popolari in questo blog

acute osservazioni da mininano (e non solo)

quando il Ragazzino era un mininano, era molto trasportabile.
aspettava tranquillo la fine di un congresso in braccio al papà, o giocherellava con un pupazzetto durante la Messa della domenica.
lei, un pò meno. ok i congressi, ma ferma in chiesa durante la messa anche no. (e ho appeso al chiodo le mie corde vocali)
poi è arrivato lui, il mininano.
quello che il giorno del suo compleanno ha esordito con un "mamma, ho cinque anni, sono quasi un uomo"
che se sta fermo dietro pagamento (colori, librini) non sta zitto MAI.
specialmente durante la Messa.
di seguito le illuminanti considerazioni del mio terzogenito, tutte enunciate a voce più o meno alta, in momenti di silenzio più o meno assoluto:

"mamma, ma perchè il Don ha il microfono e non canta?"
"mamma, ma perchè questi della Chiesa chiedono sempre soldi?"
"mamma, ma Gesù è invisibile che nessuno lo vede?"
"mamma, mi sto annoiando"
"mamma...PUZZETTA!!!"

decisamente un Nano con uno…

wind of change...

lunedì il Tu parte.
per molto molto lontano.
se va bene starà via poco più di tre giorni. per poi ritornare a molto molto lontano e lavorare lì.

noi qui, fino a fine anno scolastico.
il tempo di far impratichire i mostri con lingue esotiche e di permettere al Tu di fare un nido per la sua numerosa famiglia.
nonna in blue jeans è entusiasta: nipoti bilingue, posti più civili(si spera) in cui dare loro un futuro migliore.
nonnaccì sbigottita: nipoti lontani dalle orecchiette con le cime di rapa, la mozzarella e il suo affetto.
io incasso il colpo, sono un pò yuppiiii un pò ommamma..un pò euforica e un pò terrorizzata. non mi spaventa lo stare da sola, non mi fa paura il "tutto sulle mie spalle" (che poi mica tanto vero è).
allora passo il tempo a studiare cartine geografiche, a immaginare weekend a fare i turisti, a navigare su skyscanner per capire quando i voli costano meno.
il bello è che nessuno sa nulla.
si parla con naturalezza di dove festeggiare il prossimo compleanno …

meno dieci

dieci giorni.
un'inezia.
tra dieci giorni il Tu prenderà un aereo, due valigie, uno zainetto e andrà via.
destinazione Swindon, Wiltshire, regno di Sua Maestà la Regina.
scrivere verso l'infinito ed oltre mi sembrava troppo melodrammatico.
biglietto sola andata.
noi abbiamo già pronti i biglietti per andarlo a trovare a metà febbraio. mi sembra la bacchetta magica di Harry Potter, la passaporta che si attiverà magicamente il venti febbraio.
i bambini abbastanza sconvolti. il Ragazzino, preadolescente, alterna attimi di rabbia, di sconfidenza e momenti di dramma che neanche nella migliore tradizione napoletana. La Nana è incazzata nera. Papà è nostro, i signori inglesi trovassero il papà di qualcun altro per lavorare.
Il mini tace...ma poi abbraccia l'uomo della mia vita e gli chiede "ma quando parti...e quando torni...e quando ci vediamo?"
io...bho?
mi attacco alle cose pratiche: come metto il piumino in valigia? e le lenzuola? e quanti kg posso imbarcare? e facc…