Passa ai contenuti principali

il nano balla solo

Ieri: gita.
Ebbene sì, il nanico asilo si è messo in movimento per andare in una fattoria didattica nelle ridnti campagne baresi.
E tutta la famiglia in blue jeans si è mobilitata. Cane escluso.
Tralascio l'entusiasmo per il pullman.. "mamma, io sempre vado assilo con ulmmann!", e il viaggetto con la "canzone di micio maio e il ballo dlla panza" a gogò.
Giornata iperventosa, calda e umidiccia.
La nana deliziosa con shorts e cappello con fiore all'uncinetto,lui con la t-shirt della sua classe e gli occhioni splancati.
Mi sono resa conto di una cosa: il nano è uno che "balla da solo". Non si è fissato con un amichetto, ma faceva da spola, chiamava, incitava... ma in realtà non si fermava con nessuno. Anarchico e fiero di esserlo, ha espresso il suo disappunto sui maiali, sui cavalli e sulle mucche, ma alla fine ha dato da mangiare ai vitellini. Aveva paura di questi animali grandi, liberi e mansueti, così alieni al suo mondo di nano cittadino. Solo con il Tu ha preso il coraggio a due mani e si è avventurato a dare un pochino di fieno ai vitellini.
Non si è entusiasmato quando A., casaro palestrato, gli ha mostrato come si fa la mozzarella (ma se ne è mangiate quattro), e, durante la consegna dei diplomi di fine corso, si è semplicemente addormentato. (e come dargli torto?).

Solo quando lo abbiamo sguinzagliato a giocare si è entusiasmato, scatenandosi con tutti i nani.

Le maestre, da copione, hanno messo in evidenza che un nano figlio di veterinari non poteva avere paura degli animali. Ma la cosa non ci ha meso a disagio.
Io mi sono più preoccupata del fatto che il nano, come me, non è un animale da branco. Non fa gruppo, pur essendo gentile e affettuoso con tutti. Vola da un gruppo all'altro, libero come un gabbiano, cercando di creare un unico mega gruppo di bimbi urlanti.
Il suo "mamma..io andare bimbi" è una cosa geneica, per lui non ci deve essere Tizio o Caio, basta che ci sia la possibilità di stare in compagnia... Se da un lato sono fiera dell'indipendabza del mio bimbo, dall'altro mi ricordo il mio senso di zingaraggine (!!!) che non mi faceva sentire a mio agio in nessun modo. E ho paura che sia lo stesso per lui.
il Tu, da grande saggio, liquida le mie paranoie con un "ma ha solo tre anni,,,lascialo crescere!" e io spero che abbia ragione.

Commenti

Laura GDS ha detto…
Sarebbe più preoccupante se il figlio di veterinari fosse talmente spavaldo da non avere timore degli animali e per questo cacciarsi nei guai. Come al solito chi non conosce gli animali è pronto a dir boiate.
MammainblueJeans ha detto…
grande laura! grazie per avr trovaqto una risposta così perfetta!

Post popolari in questo blog

palla fibrosa

accade che quella telefonata arrivi.
accade che il tono della voce dall'altro capo del filo sia basso, e strozzato.
accade che la frase inizi con "ti devo dare una brutta notizia".
pensi al tuo vecchio papà.
a S., principessa malata.

e pensi che lo sapevi che questa cazzo di telefonata sarebbe arrivata, che devi essere forte, che forse sarà un bene.
ma non sai, non immagini.

non puoi sapere che in un ospedale lontano un dottore illuminato ha proposto una risonanza magnetica per un bimbo all'apparenza sano, chissà cosa è scattato in quel dottore, chissà cosa di quel bimbo dagli occhi scuri non gli ha fatto dire di tornare a casa, lui e i suoi paranoici genitori.
chissà.
non puoi sapere.
da medico immagini il brivido nel leggere il risultato, quella scarica di adrenalina  di quando hai azzaccato una diagnosi. hai ragione, signor dottore.
il passo in sala operatoria è breve, l'operazione sarà lunga.
aprire una piccola testa, tagliare i riccioli bruni, togliere quell…

un sorriso

il primo sentimento dovrebbe essere la rabbia.
poi lo sconforto, la tristezza.
accompagnati dalla speranza.

io non ho provato niente. nella mia testa non passava un pensiero che fosse uno. solo uno strano ottundimento del sensorio, uno stato stuporoso, un modo ovattato di fare le cose.
non riuscire a piangere.
non riuscire a pregare.
non avere che poche parole scambiate via sms, coincise, quasi fredde.

sono otto giorni che respira con un tubo in gola, otto giorni in cui la sua mamma è devastata al punto di sembrare pazza, che i suoi nonni hanno perso la testa.
otto giorni in cui suo padre è di marmo.
suo padre.
il mio fratello-cugino.
chiuso nel suo dolore in una stanza di ospedale. a tenere la mano del suo bambino.
una stanza è troppo piccola per contenere tutto questo dolore. troppo fragili le pareti, troppo sottili i vetri. e aspetti che tutto imploda, che il mondo si fermi, e non sai come fare a scendere, e a spingere, perchè il mondo deve andare avanti, deve girare...

dopo sms te…

Storie di letto

Sul lettone, quando teoricamente uno si vuole rilassare, c'è un problema.
La mamma ha solo due lati.
E loro sono tre.
La mamma ha solo due braccia.
Di fronte a cotanta inettitudine materna, il magico trio escogita i seguenti sotterfugi per spostare uno degli altri due e raggiungere l'ambita genitrice.
Il Nano grande, pardon , il Ragazzino, se riesce ad arrivare per primo adotta la tecnica "sonofattodipiombo".
Si incolla al materasso e forte dei suoi ventotto chili, non si muove più.
La Nana, protesta.
S'indigna.
S'impenna.
E a differenza dello Stato di Don Raffaè, non getta la spugna.
Anzi. Arriva a dei livelli di bastardaggine indecenti.
Fa il solletico sotto i piedi, finge di aver visto qualcosa per interessare gli altri due, finge di piangere.
Il mininano, di solito, ci casca in pieno.
Spodestato dal suo posto-accanto-alla-mamma, lui è meno creativo della sorella. La sua tecnica si basa sulla sola forza fisica.
e visto che lui, di fisico, oggettivamente no…