Passa ai contenuti principali

Lista nera

di seguito riporto l'elenco delle persone che me l'hanno discretamente tirata:

  1. mia zia, congedandosi dalla mia festa di nozze (che io lo so...tu avrai tre figli)
  2. una cliente, che ha visto la foto dei nani (bhè dottoressa...non c'è due senza tre!)
  3. una signora della parrocchia, di quelle che ha solo uno scopo nella vita, fare coperte per tutti i nascituri; mi ha visto in chiesa dopo una lunga assenza, priva di nani e con qualche chilo in più e mi fga"ma che, sei in attesa?" e io, lapidaria "bno, sono solo grassa" e lei "voi giovani, che non lo volete dire...il tuo segreto è al sicuro..."
  4. mia zia, un'altra, che mi ha vista ingrassata o non so, "ma sei incinta???" 2ma nooo, ma non è il momento....devo mettermi a dietaaaa"
cazzo, lei aveva ragione.
Ho 33 anni, un marito, due figli, e un terzo in arrivo.
Dopo 24 ore passate a mangiarmi il fegato, a controllarmi ogni due minuti, a fare mente locale su come/quando possa esswere successo, stamattina mi sono ritrovata a ingoiare una compressa di acido folico. Poi ho trovato la farmcia più distante da casa mia, casa di nonnaccì, studio, scuola dei bambini, e ho comprato il test. 
dieci minuti fa,l'ho scartato.
Una linea, puoi ricominciare a respirare.
Due....ben ti sta a buttare alle ortiche il buonsenso, i preservativi, i tuoi vestiti e ad abbandonarti alla passione, tanto per una volta NON SUCCEDE NIENTE.
Nelle istruzioni diceva di fare pipì sul tampone per massimo cinque secondi, e di aspettare 3 minuti per leggerlo.
La seconda linea è comparsa prima ancora che finissi di fare plin-plin.

E adesso?

Commenti

Slela ha detto…
E adesso congratulazioni!
Sei giovanissima, ce l'hai fatta con due, ce la farai con tre.
Parlo io che se arrivasse il quarto mi butterei dalla finestra...
Lavinia ha detto…
e adesso?
quando mi avvicinavo ai 28 anni una sera dissi a mio marito: "ai 30 facciamo il terzo, poi chiudiamo la fabbrica".
3 settimane dopo avevo in mano un test positivo e da lì a poco scoprii che erano gemelli.
No scusa, non voglio entrare pure io nella tua lista nera:) ma pensa che tutti quelli che mi vedono mi chiedono come faccio a non impazzire con 4 figli piccoli.
Come faccio?
Boh, quando ci sei dentro non te ne accorgi nemmeno.
Un abbraccio grande grande
Silvietta ha detto…
e adesso respiri più forte, guardi quanto sono belli i tuoi nani e respiri felicità. ce la farai!
s.
Zia Atena ha detto…
E adesso ti prendi i nostri auguri,gli auguri di tutti..respiri, ti fai forza e dici ai tuoi nani che stai per fargli un regalo bellissimo, il più bello di tutti: un altro fratellino!!!

Paure ansie e timori fanno parte del viaggio..ma avrà una meta stupenda!!!

Forza e coraggio!!!
Diletta ha detto…
E adesso forza! ti assicuro che con tre ce la si fa. Congratulazioni, un abbraccio
monica ha detto…
E adesso ce la farai! Ogni tanto darai fuori di matto, ogni tanto vorrai chiuderti (o chiudere loro) nello sgabuzzino, spesso ti faranno fare quattro risate ... ma è una meraviglia. Un abbraccio.
non c'è 2 senza 3! :) dai dai che sei esperta ì..ti verrà tutto automatico... e i bimbi più grandi ti daranno una mano..speriamo! ;)
carpina ha detto…
no aspetta, sul 'non c'è due senza tre' avrei proprio da ridire eh! :-D

AUGURI CON TUTTO IL CUORE! :-)

E' una cosa sempre bellissima, sia quando temerariamente cercata, che quando tremendamente inaspettata...

ce la fari, ah! se ce la farai!! ;-)

un abbraccio!
E RIPOSATI - inizia già da subito, così ti metti in pari ;-)

pina
mamma mia ha detto…
ho vissuto la tua esperienza a gennaio!dai che ce la fai!sei già allenata
Trasparelena ha detto…
Adesso congratulazioni!!

Post popolari in questo blog

di alberi, presepi e altre amenità natalizie...

ci sono moltissime cose che non capisco.
davvero. e molte riguardano i bambini. non i miei nello specifico, ma in generale. e visto che siamo in un inizio di clima Natalizio, le mie perplessità aumentano. primo.
l'albero di Natale.  sui social è una gara a chi fa l'albero più carico, fashion, luminoso, elegante, originale, minimal e chi più ne ha più ne metta. bellissimi. superbi. da farmi schiattare d'invidia.  (non riuscirei mai ad essere così precisa, così perfezionista. mi farei fregare da una schifezza fatta dal mininano, o un lavoretto a quattro mani degli altri due. tanto valore affettivo, poca coreografia.) quindi, albero da vetrina.  salvo poi a dire che è stato fatto per i nani o con i nani. sarà che i tre sono pasticcioni, chiassosi e colorati.  sarà che il loro senso estetico è ...ehm...acerbo(???) ma quando ho dato loro in mano palline e stelle filanti l'unica contenta era la gatta, vista la quantità di giocattoli sparsi sul pavimento. quindi non tiriamoci…

palla fibrosa

accade che quella telefonata arrivi.
accade che il tono della voce dall'altro capo del filo sia basso, e strozzato.
accade che la frase inizi con "ti devo dare una brutta notizia".
pensi al tuo vecchio papà.
a S., principessa malata.

e pensi che lo sapevi che questa cazzo di telefonata sarebbe arrivata, che devi essere forte, che forse sarà un bene.
ma non sai, non immagini.

non puoi sapere che in un ospedale lontano un dottore illuminato ha proposto una risonanza magnetica per un bimbo all'apparenza sano, chissà cosa è scattato in quel dottore, chissà cosa di quel bimbo dagli occhi scuri non gli ha fatto dire di tornare a casa, lui e i suoi paranoici genitori.
chissà.
non puoi sapere.
da medico immagini il brivido nel leggere il risultato, quella scarica di adrenalina  di quando hai azzaccato una diagnosi. hai ragione, signor dottore.
il passo in sala operatoria è breve, l'operazione sarà lunga.
aprire una piccola testa, tagliare i riccioli bruni, togliere quell…

caro Babbo, ti scrivo...

che i tre fossero diversi, è cosa nota.
che tutti i bambini abbiano gusti e preferenze personali, e che i genitori/nonni/parenti si debbano adeguare, è un sacrosanto diritto di ogni nano.
che i miei di nani si divertano a scombussolarti la vita e i programmi...

di seguito copia delle letterine di Natale.
il mini, che per un ultimo anno non scrive ma detta, è stato alquanto ironico
dettato#1

"caro Babbo Natale,
sono Enrico.
per Natale voglio la pista di Cars, l'altra pista di Crs3 e la macchina di Cars3.
Ciao"

e no, caro mini... iniziamo da rivedere i tempi del verbo, che qui niente è dovuto.


"caro Babbo Natale,
sono Enrico.
per Natale voglio vorrei la pista di Cars, l'altra pista di Cars3 e la macchina di Cars3.
Ciao"

poi, va bene che Snoopy insegna che è la stagione dell'avidità, ma non esageriamo...


"caro Babbo Natale,
sono Enrico.
per Natale voglio vorrei la pista di Cars, l'altra pista di Cars3 e la macchina di Cars3.
Ciao"

infine, un …