Passa ai contenuti principali

la terza volta

la prima volta ero una sposina appena rientrata dal viaggio di nozze. avevo questi due giorni di ritardo e mi dicevo "ma nooooo". Ho comprato un test in pieno centro, lontano anni luce da chiunque potesse conoscermi. L'ho tenuto in borsa tutta la sera, fino a quando il Tu, ostentando sicurezza (della serie, non può essere successo a noi...abbiamo deciso di goderci un pò la vita matrimoniale, che da giugno ci proveremo...ma dai, stai tranquilla). mi fa "dai facciamolo!"
Tampone, timer della cucina. Passa un minuto. Io mi copro gli occhi (che vigliacca) e lui, rosso peperone, mi fa "Susina sono due!!!!!" intendeva due linee, non due nani. Io comincio a ridere come una pazza isterica, lui mi abbraccia e fa "scusa , DEVO ANDARE  A DORMIRE!" e mi lascia lì, sul pavimento del cucinino, a inghiottire incognite e lacrime. era il 19 dicembre. Davi sarebbe nato sette mesi dopo.
la seconda volta gli avevo detto. "voglio un altro figlio"
e lui mi ha guardata, non so bene se per capire se per caso fossi totalmente ubriaca o che.
"OK. ma se posso dire qualcosa, facciamo in modo che nasca da febbraio in poi, Novembre-dicembre-gennaio sono mesi pieni di feste, stancanti."
Ho scritto un post, in un'altra vita, su quando è stata concepita Paola. Mi ricordo che sapevo di essere incinta, che sentivo quel sapore di metallo in bocca, netto e inconfondibile, come si legge sulle riviste. Ho fatto il test da sola, perchè il Tu era fuori.Al rientro, un Nano gli ha consegnato un bavaglino nuovo. Non è andato a dormire.
Adesso sono io e il mio segreto, il test nascosto nello zaino, mille emozioni contrastanti, più spaventata adesso che le altre due volte.
Tra un'ora vedo il mio medico.
stasera torna il Tu. L'idea di sconvolgergli la vita mi dispiace.
Mi aspetto le paranoie di mia mamma.
I cazziatoni delle zie.
I "ma che...lo volevate?"

Aspetto un bambino. E' una cosa bella, inaspettata, non voluta, ma è una cosa bella.
spero che il mio umore, grigio come il tempo che fa oggi a Bari, non gli nuoccia...

Commenti

Alem ha detto…
é una rivoluzione, bellissima, sempre! :)
mamma mia ha detto…
chissà che sorpresa stasera! vedrai superato lo shock iniziale sarà tutta in discesa..chissà come saranno felici i tuoi bimbi!
Diletta ha detto…
quando io ho scoperto di essere incinta di Gioia ero disperata, iniziavo appena a tornare a galla dopo l'uragano dei gemelli. Ti cambia inevitabilmente la vita però ti assicuro che ne vale la pena perchè la nascita di un bambino è una cosa bellissima, sempre! (spero che anche con la quarta ne valga la pena :))
kikka ha detto…
è uno shock, ci credo, ma sono sicura che sarà una nuova, bellissima avventura!!...
ti abbraccio!!
Carpina ha detto…
non gli nuoce, non ti preoccupare.. piuttosto pensa che ogni giorno a venire sarà sempre più bello. perchè è così, in mezzo alle difficoltà, è proprio così, semplicemente...
diana ha detto…
è bellissimo e difficilissimo insieme----vedrai l'umore cambierà e il bambino ti porterà un po' di fatica, ma gioia...ti abbraccio!
barbamamma ha detto…
wow!!
posso immaginare come sei sconvolta, ma penso che non ci sia niente di più bello al mondo della scoperta di avere un'altra vita dentro di te,anche se non l'avevi programmato.... vedrai che superato lo shock iniziale sarete felicissimi......e chissenefrega dei commenti dell parentado!!!
Mamma2 ha detto…
oddiooooooooo congratulazioni!!!Che emozione!!So cosa si prova a vedersi la vita rivoluzionata all'improvviso ma..che gioiaaaaaaa!!!!
VereMamme ha detto…
io sono una terza arivata così....
quindi tanta simpatia per la creatura!!
Rachele ha detto…
Ci sono passata, so perfettamente cosa hai provato... ho pianto anche, brutto a dirsi, eh?
Poi se n'è andato, così com'era venuto... in un soffio...

Ma sorrido per voi ora, tantissime congratulazioni!!!!!!
bismama 2.0 ha detto…
Ommioddio mi sento come se ci avessero catapultato su sliding doors. Il mio test negativo e il tuo positivo. E la cosa curiosa è che ... non so che dirti. Sai cosa ho pensato e cosa provavo mentre pensavo "non può succedere!!" e quindi usare una frase smielata sarebbe incoerente.
Quello che sento di dirti è di guardarti bene dentro, con calma, di parlare con lui e metabolizzare la notizia come occorre che sia metabolizzata. in fondo, dalle tue parole si sente che sei già felice.

Post popolari in questo blog

palla fibrosa

accade che quella telefonata arrivi.
accade che il tono della voce dall'altro capo del filo sia basso, e strozzato.
accade che la frase inizi con "ti devo dare una brutta notizia".
pensi al tuo vecchio papà.
a S., principessa malata.

e pensi che lo sapevi che questa cazzo di telefonata sarebbe arrivata, che devi essere forte, che forse sarà un bene.
ma non sai, non immagini.

non puoi sapere che in un ospedale lontano un dottore illuminato ha proposto una risonanza magnetica per un bimbo all'apparenza sano, chissà cosa è scattato in quel dottore, chissà cosa di quel bimbo dagli occhi scuri non gli ha fatto dire di tornare a casa, lui e i suoi paranoici genitori.
chissà.
non puoi sapere.
da medico immagini il brivido nel leggere il risultato, quella scarica di adrenalina  di quando hai azzaccato una diagnosi. hai ragione, signor dottore.
il passo in sala operatoria è breve, l'operazione sarà lunga.
aprire una piccola testa, tagliare i riccioli bruni, togliere quell…

un sorriso

il primo sentimento dovrebbe essere la rabbia.
poi lo sconforto, la tristezza.
accompagnati dalla speranza.

io non ho provato niente. nella mia testa non passava un pensiero che fosse uno. solo uno strano ottundimento del sensorio, uno stato stuporoso, un modo ovattato di fare le cose.
non riuscire a piangere.
non riuscire a pregare.
non avere che poche parole scambiate via sms, coincise, quasi fredde.

sono otto giorni che respira con un tubo in gola, otto giorni in cui la sua mamma è devastata al punto di sembrare pazza, che i suoi nonni hanno perso la testa.
otto giorni in cui suo padre è di marmo.
suo padre.
il mio fratello-cugino.
chiuso nel suo dolore in una stanza di ospedale. a tenere la mano del suo bambino.
una stanza è troppo piccola per contenere tutto questo dolore. troppo fragili le pareti, troppo sottili i vetri. e aspetti che tutto imploda, che il mondo si fermi, e non sai come fare a scendere, e a spingere, perchè il mondo deve andare avanti, deve girare...

dopo sms te…

Storie di letto

Sul lettone, quando teoricamente uno si vuole rilassare, c'è un problema.
La mamma ha solo due lati.
E loro sono tre.
La mamma ha solo due braccia.
Di fronte a cotanta inettitudine materna, il magico trio escogita i seguenti sotterfugi per spostare uno degli altri due e raggiungere l'ambita genitrice.
Il Nano grande, pardon , il Ragazzino, se riesce ad arrivare per primo adotta la tecnica "sonofattodipiombo".
Si incolla al materasso e forte dei suoi ventotto chili, non si muove più.
La Nana, protesta.
S'indigna.
S'impenna.
E a differenza dello Stato di Don Raffaè, non getta la spugna.
Anzi. Arriva a dei livelli di bastardaggine indecenti.
Fa il solletico sotto i piedi, finge di aver visto qualcosa per interessare gli altri due, finge di piangere.
Il mininano, di solito, ci casca in pieno.
Spodestato dal suo posto-accanto-alla-mamma, lui è meno creativo della sorella. La sua tecnica si basa sulla sola forza fisica.
e visto che lui, di fisico, oggettivamente no…