Passa ai contenuti principali

Per fare polemiche...

...postate un commento innocente su facebook. scatenerete un inferno. o almeno un caso internazionale tale da essere sottoposto al tribunale dell'Aja. riporto pari pari il mio post:


il nano ha fatto un disegno al campo scuola "mamma questa è una mappa...la linea azzurra (lunghissima, arzigogolata e sinuosa) porta a casa, quella viola (un pò più corta, meno torta) va a casa dei nonni...quella nera (tre centimetri, dritta e ricalcata) porta all'asilo dell'estate!"mmm...forse quest'asilo non gli piace poi così tanto..


specifico che il campo estivo dove va lui mi piace, le maestre sono preparate, attente, il posto è bello, non ci sono bulletti violentoni. ma il nano, alieno a cambiamenti, novità e nuove amicizie, non lo gradisce più di tanto. anche se non ha mai fatto capricci per andarci, o che.
comunque, tu metti un tuo commento, così, in modo innocente... e ti ritrovi addosso il plotone delle educatrici , offese e secondo me anche un pò incazzate, per  "un giudizio negativo"...una "cattiva pubblicità "..." in un modo che "tutti lo possono leggere"... "ne dovevi parlare con noi..
cosa che avrei fatto se mi avessero fatto parlare. 
il nano non è come gli altri bambini. lui non strappa i giochi dalle mani, non grida, non morde e non dà pugni o calci. non gioca "da maschio " -nell'accezione di maschio un pò antica del temine-. non capisce perchè, se lo chiede per favore, non ottiene ciò che vuole. non ha un amichetto del cuore , e si ritrova, come al solito, in una classe dove ci sono già dei nuclei preformati. 
il nano è sensibile e questo lo fa passare per permaloso. ingenuo e..bambino, sì perchè lui ha quattro anni e li vive appieno, gaudente e spensierato; ci resta male se porta le sue carte di dinosauri a scuola e nessuno degli altri bambini lo considera; cerca di incunearsi nelle vite di questi suoi compagni di giochi, ma non ci riesce.
lui paga le nostre assenze date dal lavoro, che cerchiamo di compensare dedicandoci al lui con pazienza, amore e rinunce, ma non sembra soffrirne. 
fino a ieri.
il nano dipinge una linea nera e diritta per la scuola sulla sua mappa colorata. 
le sue maestre si arrabbiano con me.
forse dovrebbero pensare alla pena che ho io nel cuore all'idea che il mio bambino esprima con un semplice pastello a cera il suo disagio su un foglio di carta.
forse in questa storia, come accade spesso con i bambini, il vero piccolo grande maestro è lui.

Commenti

cioè? hanno letto il tuo post e si sono sfavate?? ma...??? non si può neanche scrivere quello che ci pare??
MammainblueJeans ha detto…
evidentemente no.... e io non ho fatto nomi nè niente..
Anonimo ha detto…
posso chiederti l'amicizia su facebook? sara
MAMMA AL QUADRATO ha detto…
Avrei scritto un post uguale se fosse capitato a me. Non hai messo in dubbio il lavoro delle maestre ma espresso un tuo pensiero. Concordo pienamente con la tua frase finale. Un abbraccio!
Anonimo ha detto…
Da insegnante di scuola primaria posso dirti che - notoriamente ma non sempre - nei disegni dei bambini il nero e il viola sono da considerarsi i colori del disagio; perciò, come forse già tu saprai al tuo bimbo non piace stare distante da voi. Infatti per raggiungervi la strada è lunga, sinuosa e arzigogolata come hai detto tu nel post, tuttavia è colorata d'azzurro: un colore splendido. Coccolatelo tanto e rassicuratelo. Io come insegnante questo ti avrei detto, anziché offendermi! Bacio! Irene dalla Maremma
MammainblueJeans ha detto…
ringazio tutte! per facebook io sono susanna pacini (magari specifica chi si!)
grazie a Irene....sono sicura che sei una maestra meravigiosa!!!!!
Anonimo ha detto…
spero di esserlo!!! Bacio, Irene dalla Maremma

Post popolari in questo blog

di alberi, presepi e altre amenità natalizie...

ci sono moltissime cose che non capisco.
davvero. e molte riguardano i bambini. non i miei nello specifico, ma in generale. e visto che siamo in un inizio di clima Natalizio, le mie perplessità aumentano. primo.
l'albero di Natale.  sui social è una gara a chi fa l'albero più carico, fashion, luminoso, elegante, originale, minimal e chi più ne ha più ne metta. bellissimi. superbi. da farmi schiattare d'invidia.  (non riuscirei mai ad essere così precisa, così perfezionista. mi farei fregare da una schifezza fatta dal mininano, o un lavoretto a quattro mani degli altri due. tanto valore affettivo, poca coreografia.) quindi, albero da vetrina.  salvo poi a dire che è stato fatto per i nani o con i nani. sarà che i tre sono pasticcioni, chiassosi e colorati.  sarà che il loro senso estetico è ...ehm...acerbo(???) ma quando ho dato loro in mano palline e stelle filanti l'unica contenta era la gatta, vista la quantità di giocattoli sparsi sul pavimento. quindi non tiriamoci…

palla fibrosa

accade che quella telefonata arrivi.
accade che il tono della voce dall'altro capo del filo sia basso, e strozzato.
accade che la frase inizi con "ti devo dare una brutta notizia".
pensi al tuo vecchio papà.
a S., principessa malata.

e pensi che lo sapevi che questa cazzo di telefonata sarebbe arrivata, che devi essere forte, che forse sarà un bene.
ma non sai, non immagini.

non puoi sapere che in un ospedale lontano un dottore illuminato ha proposto una risonanza magnetica per un bimbo all'apparenza sano, chissà cosa è scattato in quel dottore, chissà cosa di quel bimbo dagli occhi scuri non gli ha fatto dire di tornare a casa, lui e i suoi paranoici genitori.
chissà.
non puoi sapere.
da medico immagini il brivido nel leggere il risultato, quella scarica di adrenalina  di quando hai azzaccato una diagnosi. hai ragione, signor dottore.
il passo in sala operatoria è breve, l'operazione sarà lunga.
aprire una piccola testa, tagliare i riccioli bruni, togliere quell…

acute osservazioni da mininano (e non solo)

quando il Ragazzino era un mininano, era molto trasportabile.
aspettava tranquillo la fine di un congresso in braccio al papà, o giocherellava con un pupazzetto durante la Messa della domenica.
lei, un pò meno. ok i congressi, ma ferma in chiesa durante la messa anche no. (e ho appeso al chiodo le mie corde vocali)
poi è arrivato lui, il mininano.
quello che il giorno del suo compleanno ha esordito con un "mamma, ho cinque anni, sono quasi un uomo"
che se sta fermo dietro pagamento (colori, librini) non sta zitto MAI.
specialmente durante la Messa.
di seguito le illuminanti considerazioni del mio terzogenito, tutte enunciate a voce più o meno alta, in momenti di silenzio più o meno assoluto:

"mamma, ma perchè il Don ha il microfono e non canta?"
"mamma, ma perchè questi della Chiesa chiedono sempre soldi?"
"mamma, ma Gesù è invisibile che nessuno lo vede?"
"mamma, mi sto annoiando"
"mamma...PUZZETTA!!!"

decisamente un Nano con uno…