Passa ai contenuti principali

Idee Regalo made in Nani

Quest'anno il ragazzino riceverà il Sacramento della Comunione.
L'evento, che sarà festeggiato nella più totale sobrietà, ha una grave controindicazione.
la lista regali.

"mamma, il mio amico G. ha chiesto il cellulare, il tablet e la go-pro per la comunione...e io?"

Parliamone.
lasciamo stare i moralismi sul regalare roba elettronica costosa e potenzialmente pericolosa a un nano di nove anni.
la mia risposta è una sola: NO.
visto che un no secco non può far desistere un ragazzino, la tecnica è un'altra.
ammaliarlo con qualcos'altro.
l'altro è un viaggio.
decide lui la meta.

dopo due giorni annuncia che le scelte sono:
A) Londra, e i luoghi di Harry Potter. (qui mi sono gonfiata di orgoglio...è decisamente figlio mio!)
B) una città dove ci sia un acquario grandissimo (e qui se la battono Genova e Valencia).

bene, devo solo avvisare il parentado che il primo laccettino d'oro con la croce che vedo in giro glielo tiro appresso.

arriva lei, incavolata nera.
"ecco, sempre lui! io non posso scegliere mai!!!!"
"ma amore...quando sarà il tuo turno sceglierai tu...dove vorresti andare?"
"a Parigi, che è la città degli innamorati e c'è il castello delle principesse."
castello delle principesse che, per inciso,  non si è mai filato di striscio. ma vabbè, forse spera di trovarci un drago...

il mini, che è stato stranamente zitto, prende la parola.
"mamma, ma posso scegliere anche io?"
"certo amore..."
"no, perchè io vorrei vedere i posti di Cars"

per i non addetti ai lavori, Cars è un film pixar bellissimo.
molto americano.
e si svolge sulla route 66.

niente da fare, il mininano è un genio.

Commenti

Carpina ha detto…
Che ridere! Il mini è fortunato, hanno da poco inaugurato il parco a tema Card, in US, mi sa in California, ma è proprio come essere nel cartone! :-)
Bello rileggerti.. Buon Natale a voi tutti xx
Pina, Carpina

Carpina ha detto…
PS, anche a Londra c'è il Sealife, proprio sotto al London Eye... ;-*

Post popolari in questo blog

gli amici si vedono nel momento del bisogno

nell'ordine, mi hanno chiamato:
la mamma del fantomatico futuro genero (nano ottenne che a quattro hanno ha chiesto la mano di Polpetta al di lei padre -con conseguente tracollo nervoso-, a sei si è presentato a Nonnaccì come  il "ragazzodituanipote" e a sette ha candidamente ammesso che la Nana è la prima del suo cuore) che oltre all'immancabile comestai? ci ha invitati a cena. il minigenero, che stupido non è, ha asserito che lui senza la nana non può stare. e che dovrà convincere i suoi a trasferirsi a Londra (per i nani dire Londra e dire Uk è la stessa cosa).
la mamma dell'amichetto storico del mininano. gentile e discreta. in realtà sta andando in pezzi lei e le ho girato il numero dell'amica psicoterapeuta alla quale rompo le scatole ogni tanto.
la figlia della vicina di casa.
la moglie del mio dottore -nonchè chitarrista nel gruppo del Tu.
una cliente.
mia sorella.
la mia mamma.


gli amici o hanno molta fiducia in me o non sono poi così tanto amici...



meno dieci

dieci giorni.
un'inezia.
tra dieci giorni il Tu prenderà un aereo, due valigie, uno zainetto e andrà via.
destinazione Swindon, Wiltshire, regno di Sua Maestà la Regina.
scrivere verso l'infinito ed oltre mi sembrava troppo melodrammatico.
biglietto sola andata.
noi abbiamo già pronti i biglietti per andarlo a trovare a metà febbraio. mi sembra la bacchetta magica di Harry Potter, la passaporta che si attiverà magicamente il venti febbraio.
i bambini abbastanza sconvolti. il Ragazzino, preadolescente, alterna attimi di rabbia, di sconfidenza e momenti di dramma che neanche nella migliore tradizione napoletana. La Nana è incazzata nera. Papà è nostro, i signori inglesi trovassero il papà di qualcun altro per lavorare.
Il mini tace...ma poi abbraccia l'uomo della mia vita e gli chiede "ma quando parti...e quando torni...e quando ci vediamo?"
io...bho?
mi attacco alle cose pratiche: come metto il piumino in valigia? e le lenzuola? e quanti kg posso imbarcare? e facc…

two weeks

sono passate due settimane.
mi sembra di non vederlo da una vita.
due settimane in cui non ho voluto avere il tempo di sedermi alla scrivania e scrivere.
non ho avuto il tempo di deprimermi. non ho voluto avere il tempo di deprimermi, o di intristirmi, o di piangermi addosso.
mi sono alzata ogni mattina, ho portato i bimbi a scuola in orario, il cane a passeggio, ho sbrigato le faccende.
rispondo "bene!" a chi mi chiede come va.
perchè oggettivamente va bene.
la nostra vita scorre, come prima.
faccio le stesse cose, forse lavoro un pò di più. ma poi basta.
scarrozzo i pargoli tra lezioni d'inglese e partite di basket.
non m i fermo quasi mai.
ogni tanto ho pensato "ma io resto qui".
oggi mi sono messa al pc e ho cercato di capire come si iscrive un nano a scuola in uk, come si trova una casa per una famiglia chiassosa e colorata, piena di bambini e animali.
oggi mi sento per la prima volta sull'orlo del precipizio.
e soffro di vertigini.
mi manca il Tu.
che…