Passa ai contenuti principali

L'esaurimento

Potrei parlare di un pomeriggio di libertà, con la mia amica Mekka; di un pomeriggio di parole di fronte ad un caffè che diventa freddo, di confidenze tra amiche, di lacrime che escono troppo in fretta e per i motivi più stupidi; del non VOLER guardare l'orologio, di non ricevere telefonate, di azzerare per tre ore le proccupazioni e le paure.

Potrei parlare di Davi che sta imparando a mangiare da solo con la forchetta, dell'asilo che ti chiama (e la paura è vedere scritto ASILO NANO dul display del telefonino) e del mega-cagotto che ci ha appestato per cinque giorni.

Invece no.

Parlo di mia madre.
Nonna in blue jeans è approdata a Bari; i miei 69 mq di casa sembrano trenta scarsi, siamo invasi da pacchetti di dolcini, valigie, la gatta e due nonni imbecilliti da un nipote che li guarda e ride.

Nonna in blue jeans è un ciclone.

Ed è Calabrese al 100%, quindi ha una testa dura (io da chi avrò preso?) che non vuole sentire ragioni, spiegazioni o scuse.

Nonna in blue jeans è l'antitesi di Nonnaccì: sono diverse per cultura, estrazione sociale, gusti, divertimenti e chi più ne ha più ne metta.

Nonna in blue jeans è arrabbiata con me.

Quest'anno abbiamo deciso di fare Vigilia con i miei (a Taranto, ponte di una famiglia sparsa per i mondo) e Natale con i suoi (del Tu), unicamente perchè Zio Capello non lavora il 25.

Nonna in blue jeans è incazzata nera, perchè "sarebbe giusto che noi stessimo a Natale con loro, che non ci vedono mai". Ha ragione.

Nonnaccì "quest'anno tutti da me" perchè non ha mai avuto figli e nipoti a Natale a casa sua. Ha ragione anche lei.

Io sento che sta per venirmi un esaurimento nervoso...

Commenti

bismama ha detto…
Eccettelodicoaffare?
Anche noi divisi.....la vigilia la passeremo a casa ns con chi vogliamo noi....e così nessuno s'incazza! ;-)
Elena ha detto…
anche da noi ogni anno la stessa cosa... per non fare torto a nessuno bisogna sempre trovare soluzioni pazzesche.... cenone di vigilia dai suoi, pranzo di Natale dai miei.. e santo Stefano con l'indigestione!!
fiocco72 ha detto…
Ciao Scusa volevo chiederti se avevi ricevuto il mio swap, non ho avuto notizie, ti doveva arrivare dalla provincia di milano...non sapevo come altro mettermi in contatto con te ...Fiocco72
valewanda ha detto…
hanno ragione tutte e due, dunque cerca, provaci almeno, a non farto condizionare anche tu. tanto al Natale non c'è scampo, tutti hanno ragione...
MammainblueJeans ha detto…
@bismama: mal comune...
@Elena: Santo Stefano? con i miei di nuovo (a taranto) visto che il giorno dopo mia sorella riparte.
FIOCCO72: ho ricevuto tutti gli swap, ma il Tu ha buttato le buste :-(. Ieri sono riuscita a recuperare l'ultimo. Il tuo era l'omino di zenzero?
@valewanda:come è vero! ma io non ho mai...ragione?
Laura GDS ha detto…
io vado a Berlino da mia suocera che quando ha saputo di stare per diventare nonna ha sbattuto il telefono in faccia a suo figlio e di me pensa che sia una grandissima str.. che non ha niente di meglio da fare nella vita che sfidarla e trattarla male. vuoi fare a cambio?

p.s. la baratterei anche con un turno di PS a stare dietro a diarree emorragiche...
fiocco72 ha detto…
Si ok era l'omino di zenzero.
Beta ha detto…
Dai dai ... che S.Stefano arriva presto ;-D

(Credo .... no, non in quel senso, non ci ho ripensato ... è la parola di verifica!!!)

Post popolari in questo blog

palla fibrosa

accade che quella telefonata arrivi.
accade che il tono della voce dall'altro capo del filo sia basso, e strozzato.
accade che la frase inizi con "ti devo dare una brutta notizia".
pensi al tuo vecchio papà.
a S., principessa malata.

e pensi che lo sapevi che questa cazzo di telefonata sarebbe arrivata, che devi essere forte, che forse sarà un bene.
ma non sai, non immagini.

non puoi sapere che in un ospedale lontano un dottore illuminato ha proposto una risonanza magnetica per un bimbo all'apparenza sano, chissà cosa è scattato in quel dottore, chissà cosa di quel bimbo dagli occhi scuri non gli ha fatto dire di tornare a casa, lui e i suoi paranoici genitori.
chissà.
non puoi sapere.
da medico immagini il brivido nel leggere il risultato, quella scarica di adrenalina  di quando hai azzaccato una diagnosi. hai ragione, signor dottore.
il passo in sala operatoria è breve, l'operazione sarà lunga.
aprire una piccola testa, tagliare i riccioli bruni, togliere quell…

un sorriso

il primo sentimento dovrebbe essere la rabbia.
poi lo sconforto, la tristezza.
accompagnati dalla speranza.

io non ho provato niente. nella mia testa non passava un pensiero che fosse uno. solo uno strano ottundimento del sensorio, uno stato stuporoso, un modo ovattato di fare le cose.
non riuscire a piangere.
non riuscire a pregare.
non avere che poche parole scambiate via sms, coincise, quasi fredde.

sono otto giorni che respira con un tubo in gola, otto giorni in cui la sua mamma è devastata al punto di sembrare pazza, che i suoi nonni hanno perso la testa.
otto giorni in cui suo padre è di marmo.
suo padre.
il mio fratello-cugino.
chiuso nel suo dolore in una stanza di ospedale. a tenere la mano del suo bambino.
una stanza è troppo piccola per contenere tutto questo dolore. troppo fragili le pareti, troppo sottili i vetri. e aspetti che tutto imploda, che il mondo si fermi, e non sai come fare a scendere, e a spingere, perchè il mondo deve andare avanti, deve girare...

dopo sms te…

Storie di letto

Sul lettone, quando teoricamente uno si vuole rilassare, c'è un problema.
La mamma ha solo due lati.
E loro sono tre.
La mamma ha solo due braccia.
Di fronte a cotanta inettitudine materna, il magico trio escogita i seguenti sotterfugi per spostare uno degli altri due e raggiungere l'ambita genitrice.
Il Nano grande, pardon , il Ragazzino, se riesce ad arrivare per primo adotta la tecnica "sonofattodipiombo".
Si incolla al materasso e forte dei suoi ventotto chili, non si muove più.
La Nana, protesta.
S'indigna.
S'impenna.
E a differenza dello Stato di Don Raffaè, non getta la spugna.
Anzi. Arriva a dei livelli di bastardaggine indecenti.
Fa il solletico sotto i piedi, finge di aver visto qualcosa per interessare gli altri due, finge di piangere.
Il mininano, di solito, ci casca in pieno.
Spodestato dal suo posto-accanto-alla-mamma, lui è meno creativo della sorella. La sua tecnica si basa sulla sola forza fisica.
e visto che lui, di fisico, oggettivamente no…