Passa ai contenuti principali

Metalmeccanico o architetto in un turbine di dolci e trasferte

Tragicomica cronaca dal 24 a oggi:
Vigilia:
Trasferta n°1 a Taranto, dove sono riuniti i Nonni in blue jens, zia Matta, fata Madrina, Pico de Paperis e Amelia, zio Ingegnere e Zia Ingegnera, Zia Architetto e la renna Rundolf. questa è la mia famiglia....). C'è l'atmosfera Natalizia di un iceberg, i musi lunghi si sprecano. Il nano ha dato spettacolo fino agli spaghetti con le cozze, poi è andato da suo padre, ha detto "mamma" e si è addormentato.A metà serata una zia crolla sul piatto dei dolci e va a dormire. L'altra, purtroppo malata, era a letto già da un pezzo.
Alle 23.30 il Tu mi guarda con uno sguardo da tossico, e crolla sul letto vicino al Nano. Alle 23.45 fata madrina dice "è quasi mezzanotte, prepariamo lo spumante!"
e io: " senti, forse è meglio un caffè..." un minimo storico.
Apriamo i regali: il nano riceve da fata madrina due mega pacchi di costruzioni, da Pico e Amelia una...cava di pietra di plastica con macchinine, argano eccetera...(per la cronaca, fata è architetto e Pico è ingegnere) e da zia Matta la tuta dei los angeles lackers.
Alle 2 arriviamo a casa, sfatti e con il nano che , dopo un'ora e mezzo di macchina, è vispo come una vespa.
Natale:
Ci sveglia un "mamma!" alle sette, che sta per "lattelattelatte".
Messa cantata (malissimo) e poi ...tutti da Nonnaccì!!!!! wow!
Zio Capello e super Zia arrivano con tre ore di ritardo, quindi ci sediamo alle 15.00. Pranzo pantagruelico, con nonnaccì che , stile prestigiatore, tirava fuori salamini o frittate o pezzi di carne arrosto da non si sa bene dove; entrerà nella storia il suo "madò, m' so -o rigorosamente chiusa-sc'rdata le tagliatell' !"
Dove le tagliatelle sarebbero le seppioline crude tagliate a listerelle sottili, una prelibatezza della cucina barese.(!!!!!)
Qui il Nano riceve: 1 orribile orsetto canterino (di quelli che si trovano alle fiere, vagamente inquietante) ovviamente vietato ai minori di anni tre, ... due tute, blu. Un pò tristi.
S.Stefano
Di nuovo a Taranto. e non commento.
29 dicembre: San Nano.
Nonnaccì regala al nano Topolino che si abbraccia, dice cose tipo "ciao, sono io Topolino!" oppure "wow, sei bravo a dare abbracci"... il nano imapzzisce, io pure...nonnaccì no: lei voleva quello più tecnologico (dai tre anni in su). Poi scopro che l'orribile orsetto posseduto si è rotto per mano di mio nipote; meglio, non lo devo dare in bocca al cane io.
30 dicembre: compleanno del domi.
Trasferta a Lecce, per festeggiare i tre anni del nipotino terminator. la casa è invasa dai nani, Davi impazzisce dalla contentezza. Domi liquida la nonna con un "nonono" alla vista della tuta (blu) e sgrana gli occhioni quando tiriamo fuori il suo regalo: costume da Topolino preso via internet direttamente dal Londra. Una soddisfazione vederlo così contento. davi è sovraeccitato e sarebbe inutile preparargli la pappa. Sculetta felice con un panino al prosciutto da una parte e un pezzo di pan brioche nell'altra.

Tirando le somme: metà famiglia lo vuole ingegnere e l'altra metà operaio specializzato. Al massimo atleta. E' finito l'incubo di preparare la pappa e scaldarla: oramai mio figlio mangia tutto. Stasera abbiamo deciso di mandare affanpuffo tutta la famiglia, gli amici i veglioni e compagnia bella. A casetta nostra, con la tavola ben apparecchiata , due candele e, si spera, un atmosfera romantica.
E se qualcuno lo trova triste, o squallido, bhè, vi assicuro che non lo è.

Commenti

mamma al quadrato ha detto…
Per niente triste, anzi! Auguri per questo nuovo anno che arriva a tutta la famiglia in bluejeans! :)
Carpina ha detto…
Direi che quanno ce vò, ce vò, eh!
Augurissimi per questa speciale Notte di Capodanno, e per un duemiladieci ricco di soddisfazioni!
:-)

Un bacione,
carpina - et - family
bismama ha detto…
Non era triste.........

Giornate variegate!!!

Buon anno
Anonimo ha detto…
Ma che triste, mi sembra la giusta ricompensa dopo tanto trambusto!
Buon 2010!
mammasidiventa

Post popolari in questo blog

palla fibrosa

accade che quella telefonata arrivi.
accade che il tono della voce dall'altro capo del filo sia basso, e strozzato.
accade che la frase inizi con "ti devo dare una brutta notizia".
pensi al tuo vecchio papà.
a S., principessa malata.

e pensi che lo sapevi che questa cazzo di telefonata sarebbe arrivata, che devi essere forte, che forse sarà un bene.
ma non sai, non immagini.

non puoi sapere che in un ospedale lontano un dottore illuminato ha proposto una risonanza magnetica per un bimbo all'apparenza sano, chissà cosa è scattato in quel dottore, chissà cosa di quel bimbo dagli occhi scuri non gli ha fatto dire di tornare a casa, lui e i suoi paranoici genitori.
chissà.
non puoi sapere.
da medico immagini il brivido nel leggere il risultato, quella scarica di adrenalina  di quando hai azzaccato una diagnosi. hai ragione, signor dottore.
il passo in sala operatoria è breve, l'operazione sarà lunga.
aprire una piccola testa, tagliare i riccioli bruni, togliere quell…

un sorriso

il primo sentimento dovrebbe essere la rabbia.
poi lo sconforto, la tristezza.
accompagnati dalla speranza.

io non ho provato niente. nella mia testa non passava un pensiero che fosse uno. solo uno strano ottundimento del sensorio, uno stato stuporoso, un modo ovattato di fare le cose.
non riuscire a piangere.
non riuscire a pregare.
non avere che poche parole scambiate via sms, coincise, quasi fredde.

sono otto giorni che respira con un tubo in gola, otto giorni in cui la sua mamma è devastata al punto di sembrare pazza, che i suoi nonni hanno perso la testa.
otto giorni in cui suo padre è di marmo.
suo padre.
il mio fratello-cugino.
chiuso nel suo dolore in una stanza di ospedale. a tenere la mano del suo bambino.
una stanza è troppo piccola per contenere tutto questo dolore. troppo fragili le pareti, troppo sottili i vetri. e aspetti che tutto imploda, che il mondo si fermi, e non sai come fare a scendere, e a spingere, perchè il mondo deve andare avanti, deve girare...

dopo sms te…

Storie di letto

Sul lettone, quando teoricamente uno si vuole rilassare, c'è un problema.
La mamma ha solo due lati.
E loro sono tre.
La mamma ha solo due braccia.
Di fronte a cotanta inettitudine materna, il magico trio escogita i seguenti sotterfugi per spostare uno degli altri due e raggiungere l'ambita genitrice.
Il Nano grande, pardon , il Ragazzino, se riesce ad arrivare per primo adotta la tecnica "sonofattodipiombo".
Si incolla al materasso e forte dei suoi ventotto chili, non si muove più.
La Nana, protesta.
S'indigna.
S'impenna.
E a differenza dello Stato di Don Raffaè, non getta la spugna.
Anzi. Arriva a dei livelli di bastardaggine indecenti.
Fa il solletico sotto i piedi, finge di aver visto qualcosa per interessare gli altri due, finge di piangere.
Il mininano, di solito, ci casca in pieno.
Spodestato dal suo posto-accanto-alla-mamma, lui è meno creativo della sorella. La sua tecnica si basa sulla sola forza fisica.
e visto che lui, di fisico, oggettivamente no…