Passa ai contenuti principali

Caro anno nuovo.

Caro Anno Nuovo,
ciao!
sono io, quella che ha passato gli ultimi giorni del tuo predecessore e le tue neonate albe in un vortice di cibo-cibo-cibo, feste e regali inopportuni. Quella che ha il butto da tre giorni, che la mamma le ha ordinato di andare dal parrucchiere. Quella che non sa stare zitta mai. Quella che ha messo un paio di jeans al primo pranzo dell'anno, tirandosi le paranoie della suocera perchè "non era elegante".
Benvenuto!
Non c'è che dire, se il buon giorno si vede dal mattino, io sto messa benissimo!
Ma non serve a niente lamentarmi, piuttosto parliamo di cose serie.
Che intenzioni hai? Sei un tipo "a posto"?
Sembra di sì, visto che ci hai vomitato addosso quell'ondata di gelo da vero inverno che fino ad ora era mancata; ma sì. siamo a gennaio, e io dormivo ancora con la copertina mezza stagione!!! Il piumone servirà pure a qualcosa? Non può restare a muffire nell'armadio...
Quindi grazie, per avermi dato le mani ghiacciate, le labbra screpolate e i piedi freddi (sopratutto da parte del Tu, che -chissacomemai- non è molto felice del piede giacciolato sul polpaccio).
Mia nonna diceva che se fai una cosa il primo dell'anno, poi la fai tutto l'anno.
Ecco, questo non va bene; 365 giorni di feste con nonnaccì&co, e parlo di pranzi dove ti siedi a tavola a lle 15 e ti alzi alle 18, potrebbero portare all'obesità, oltre che a una demenza precoce. Quindi, limitiamoci.
Parlando di obesità, il 2009 mi ha dato non pochi grattacapi, offrendomi il frigo, i panini imbottiti, la nutella e i cornetti alla crema come salvagente. Salvagente che mi è rimasto attaccato addosso con 13 kg in più rispetto a quando ho concepito il nano.
Vedi come ti devi mettere, che la settimana prossima vado dalla amica-dietista per evitare di diventare un pachiderma.
Mi raccomando le mie amiche; Favola, Avvocatanostra e La Mekka. Senza di loro sono fritta.
Vedi di portare qualche bella notizia, e non la solta serie di necrologi al telegionale, flop di politici e tasse che si alzano.
Sii buono con il Tu: lui è la mia vita.
Non correre: lasciami un pochino di tempo per le scemenze, come la ceretta, il parrucchiere, la feltrinelli.
E sopratutto, ricordati che il Nano è nel suo secondo anno di vita: anno di scoperte, di passeggiate e -speriamo- di parole nuove da imparare.
Per lui, che ha il mio cuore stretto nelle sue piccole mani paffute, cerca di essere meraviglioso!

Mamma in Blue Jeans

Commenti

bismama ha detto…
Bella lettera...io lo faccio ogni anno, poi rimango delusa ..... :-)))
Silvietta. ha detto…
ciao, la tua lettera è bellissima, davvero, mi ha sciolto il cuore.

Buon Anno,
Silvietta
Laura GDS ha detto…
che dire? Buon anno :) e se vuoi consolarti sulle suocere vedi un po' qui.

http://nelsaccoconilgatto.splinder.com/post/21994326
Carpina ha detto…
Buon Anno AmicaInBlueJeans!!!
La tua lettera è davvero bella.
Mi aggrego alla tua richiesta di fare il bravo dal punto di vista dietistico.. ;)

un bacio al piccolo nano!!

carpina
Elena ha detto…
simpatica e vera la tua lettera! in particolare tra pranzi e cene da me sedersi a tavola stava diventando un incubo!!! un buonissimo anno a te e alla tua famiglia!!
Amalia ha detto…
Tesoro!
:-)
mammasidiventa.ilcannocchiale.it

Post popolari in questo blog

palla fibrosa

accade che quella telefonata arrivi.
accade che il tono della voce dall'altro capo del filo sia basso, e strozzato.
accade che la frase inizi con "ti devo dare una brutta notizia".
pensi al tuo vecchio papà.
a S., principessa malata.

e pensi che lo sapevi che questa cazzo di telefonata sarebbe arrivata, che devi essere forte, che forse sarà un bene.
ma non sai, non immagini.

non puoi sapere che in un ospedale lontano un dottore illuminato ha proposto una risonanza magnetica per un bimbo all'apparenza sano, chissà cosa è scattato in quel dottore, chissà cosa di quel bimbo dagli occhi scuri non gli ha fatto dire di tornare a casa, lui e i suoi paranoici genitori.
chissà.
non puoi sapere.
da medico immagini il brivido nel leggere il risultato, quella scarica di adrenalina  di quando hai azzaccato una diagnosi. hai ragione, signor dottore.
il passo in sala operatoria è breve, l'operazione sarà lunga.
aprire una piccola testa, tagliare i riccioli bruni, togliere quell…

un sorriso

il primo sentimento dovrebbe essere la rabbia.
poi lo sconforto, la tristezza.
accompagnati dalla speranza.

io non ho provato niente. nella mia testa non passava un pensiero che fosse uno. solo uno strano ottundimento del sensorio, uno stato stuporoso, un modo ovattato di fare le cose.
non riuscire a piangere.
non riuscire a pregare.
non avere che poche parole scambiate via sms, coincise, quasi fredde.

sono otto giorni che respira con un tubo in gola, otto giorni in cui la sua mamma è devastata al punto di sembrare pazza, che i suoi nonni hanno perso la testa.
otto giorni in cui suo padre è di marmo.
suo padre.
il mio fratello-cugino.
chiuso nel suo dolore in una stanza di ospedale. a tenere la mano del suo bambino.
una stanza è troppo piccola per contenere tutto questo dolore. troppo fragili le pareti, troppo sottili i vetri. e aspetti che tutto imploda, che il mondo si fermi, e non sai come fare a scendere, e a spingere, perchè il mondo deve andare avanti, deve girare...

dopo sms te…

Storie di letto

Sul lettone, quando teoricamente uno si vuole rilassare, c'è un problema.
La mamma ha solo due lati.
E loro sono tre.
La mamma ha solo due braccia.
Di fronte a cotanta inettitudine materna, il magico trio escogita i seguenti sotterfugi per spostare uno degli altri due e raggiungere l'ambita genitrice.
Il Nano grande, pardon , il Ragazzino, se riesce ad arrivare per primo adotta la tecnica "sonofattodipiombo".
Si incolla al materasso e forte dei suoi ventotto chili, non si muove più.
La Nana, protesta.
S'indigna.
S'impenna.
E a differenza dello Stato di Don Raffaè, non getta la spugna.
Anzi. Arriva a dei livelli di bastardaggine indecenti.
Fa il solletico sotto i piedi, finge di aver visto qualcosa per interessare gli altri due, finge di piangere.
Il mininano, di solito, ci casca in pieno.
Spodestato dal suo posto-accanto-alla-mamma, lui è meno creativo della sorella. La sua tecnica si basa sulla sola forza fisica.
e visto che lui, di fisico, oggettivamente no…