Passa ai contenuti principali

De festibus


Questa è bellissima.

Merita un capitolo a parte, prima di lanciare una bomba che lascerà tutti senza fiato.

Intanto...

UN MESE FA CIRCA


Nonnaccì: "il tre gennaio andiamo a pranzo fuori"

Io "?"

Nonnaccì: "è il nostro anniversario, facciamo quarant'anni di matrimonio..."

Il Tu " Mamma, saremo reduci di cinque pranzi/cene da matrimonio...perchè non andiamo fuori al tuo compleanno? poi ai quarant'anni non si festeggia..."

Nonnaccì: "e se non arriviamo ai cinquanta?" (sempre ottimista lei) "no, si festeggia mò, e vi faccio pure il regalo!"

Io "???????????????????????????????????????????????????????????????, ma la festa è tua"

Nonnaccì "ma un ricordo io ve lo voglio fare...2

Il Tu "Mamma, vuoi dire una BOMBONIERA!!??"

Nonnaccì: "..sì..nò..'nsomm.."

Il Tu: "tu sei fuori...se vuoi farci un regalo, pensa a qualcosa di utile, e che ci serve..."


Niente da fare... ci vuole culo ad avere una suocera così.

Il tre siamo andati a mangiare in un ristorante a un'ora da casa, faceva un freddo cane, ci siamo seduti alle 14, i miei nipotini hanno giustamente sclerato, mio figlio moriva di sonno e io contavo alla rovescia da centocinquanta a uno per non gridare. Non è stato un bel pranzo di famiglia, c'erano troppe tensioni, Zio capello che non faceva che rimproverare Domi, la Ceci che piroettava sulla pista da ballo (finchè suo fratello non l'ha presa per il collo e buttata a terra) però Nonnaccì era felice come una Paqua, lei, la sola a restere seduta mentre tutti eravamo costretti a ingozzarci a tempo di record per stare dietro ai pargoli.

Spumante..cin cin... "ed ecco i regali!" squittisce lei con voce garrula.

E porge ai suoi figli due pacchetti identici: ohohohoh...
"madòòòò, ho sbagliato i pacchetti, quelli sono per quelle (alias le nuore)".
Ci passano i pacchetti: ci sono due anelli, discretamente orribili, il mio con un'acquamarina e quello di Superzia con un topazio.

Qui scatta il primo pacco di merda:

"guarda che lo puoi cambiare" fa lei

"per fortuna" Faccio io....oh cacchio "ehm...sai, ho altri due anelli con la stessa pietra..."

Prosegue la distribuzione dei regali.

Il Tu e Zio Capello restano a bocca aperta (ma tanto aperta): dentro al loro pacchettino c'è un ciondolino in oro bianco e brillantini, con laccettino di caucciù nero. Carino: peccato che la Ceci lo ha avuto uguale uguale per il battesimo!

Praticamente ha fatto un regalo da femmina ai suoi figli. Che non sanno dove mettere la faccia.

La serata finisce con Dome che piange disperato perchè vuole vedere gli animali ("la nonna me lo aveva promesso!" peccato che sia un ristorante, non un agriturismo), il nano crolla in macchina e noi partiamo a razzo verso casa, dove passiamo buona parte della nottata a vomitare.

E auguri agli sposi!
PS (il ciondolo non è così sobrio, ma lo stile è simile: aggiungete qualche fronzolo e due brillantini ed è fatta)

Commenti

Carpina ha detto…
eheheh, scusa, ma mi hai dipinto la faccia con un sorriso enorme!!! :-D

qui da noi è d'uso, per i genitori, fare regalìe ai propri figli, in occasione dei propri anniversari. Giuro!
Ma in genere sono regali intelligenti.. non ninnoli non richiesti.
Evabbè dài, a caval donato, non si guarda in bocca! ;)
E poi: li potete sempre cambiare!!!

Effettivamente però: andare a festeggiare il tre gennaio (dopo natale e capodanno, e prima della befana, e dopo che vi eravate tutti riuniti anche a natale) non è stata una grandissima idea!

Magari la prossima volta!

bacio,
carpina
bismama ha detto…
Bhe il ciondolo non cambiarlo...usalo tu. E l'anello cambialo con qulacosa per il Tu....o no?
diana ha detto…
poverella.....questa suocera non ne azzecca....la mia con il tempo ha migliorato!!!!
Miks ha detto…
pensavo la stessa cosa di bismamma

e poi, povera suocera, cerca di capirla...e se ai 50 anni di matrimonio non ci arriva? (ghghhgh)
kikka ha detto…
ah ah!!
mi dispiace x il brutto 3 gennaio, ma mi hai stampato un bel sorriso sul viso!.. allora, in fondo in fondo, la mia di suocera non è poi così male... (qui lo dico e qui lo nego!!!)..
Anonimo ha detto…
tua suocera e i regali, una battaglia persa. forza e coraggio!
:-)
mammasidiventa.ilcannocchiale.it

Post popolari in questo blog

palla fibrosa

accade che quella telefonata arrivi.
accade che il tono della voce dall'altro capo del filo sia basso, e strozzato.
accade che la frase inizi con "ti devo dare una brutta notizia".
pensi al tuo vecchio papà.
a S., principessa malata.

e pensi che lo sapevi che questa cazzo di telefonata sarebbe arrivata, che devi essere forte, che forse sarà un bene.
ma non sai, non immagini.

non puoi sapere che in un ospedale lontano un dottore illuminato ha proposto una risonanza magnetica per un bimbo all'apparenza sano, chissà cosa è scattato in quel dottore, chissà cosa di quel bimbo dagli occhi scuri non gli ha fatto dire di tornare a casa, lui e i suoi paranoici genitori.
chissà.
non puoi sapere.
da medico immagini il brivido nel leggere il risultato, quella scarica di adrenalina  di quando hai azzaccato una diagnosi. hai ragione, signor dottore.
il passo in sala operatoria è breve, l'operazione sarà lunga.
aprire una piccola testa, tagliare i riccioli bruni, togliere quell…

un sorriso

il primo sentimento dovrebbe essere la rabbia.
poi lo sconforto, la tristezza.
accompagnati dalla speranza.

io non ho provato niente. nella mia testa non passava un pensiero che fosse uno. solo uno strano ottundimento del sensorio, uno stato stuporoso, un modo ovattato di fare le cose.
non riuscire a piangere.
non riuscire a pregare.
non avere che poche parole scambiate via sms, coincise, quasi fredde.

sono otto giorni che respira con un tubo in gola, otto giorni in cui la sua mamma è devastata al punto di sembrare pazza, che i suoi nonni hanno perso la testa.
otto giorni in cui suo padre è di marmo.
suo padre.
il mio fratello-cugino.
chiuso nel suo dolore in una stanza di ospedale. a tenere la mano del suo bambino.
una stanza è troppo piccola per contenere tutto questo dolore. troppo fragili le pareti, troppo sottili i vetri. e aspetti che tutto imploda, che il mondo si fermi, e non sai come fare a scendere, e a spingere, perchè il mondo deve andare avanti, deve girare...

dopo sms te…

Storie di letto

Sul lettone, quando teoricamente uno si vuole rilassare, c'è un problema.
La mamma ha solo due lati.
E loro sono tre.
La mamma ha solo due braccia.
Di fronte a cotanta inettitudine materna, il magico trio escogita i seguenti sotterfugi per spostare uno degli altri due e raggiungere l'ambita genitrice.
Il Nano grande, pardon , il Ragazzino, se riesce ad arrivare per primo adotta la tecnica "sonofattodipiombo".
Si incolla al materasso e forte dei suoi ventotto chili, non si muove più.
La Nana, protesta.
S'indigna.
S'impenna.
E a differenza dello Stato di Don Raffaè, non getta la spugna.
Anzi. Arriva a dei livelli di bastardaggine indecenti.
Fa il solletico sotto i piedi, finge di aver visto qualcosa per interessare gli altri due, finge di piangere.
Il mininano, di solito, ci casca in pieno.
Spodestato dal suo posto-accanto-alla-mamma, lui è meno creativo della sorella. La sua tecnica si basa sulla sola forza fisica.
e visto che lui, di fisico, oggettivamente no…