Passa ai contenuti principali

Le perle di Nonnaccì

Sabato siamo stati da Nonnaccì, obbligo visto che c'erano i nipotini, e mi sono riempita di inestimabili perle di saggezza buttate lì da mia suocera.
Con la perplessità alle stelle, ho osservato l'arzilla signora, ubriaca da tanti nipoti in giro, perdere totalmente la ragione e il buon senso. Insomma, ho avuto la conferma che tutto quello che c'è scritto nei manuali di puericultura, che è detto dalle maestre e da chiunque possegga due neuroni attivi nel cervello, per mia suocera è OUT.

Premessa: la Ceci, mia nipote, ha una fissa: Minnie. Anzi, laMinnie, pupazzo della famosa pantegana di rosa vestito. La porta ovunque, all'asilo, in bagno,a letto. Se non c'è sono guai. Sclera e piagnucola alla grande.
Ovviamente sabato non c'era.
LaC.: "voiolaMinnieeeee"
N: "dai nonna, poi viene la Minnie, è uscita con le amichette...."
Appunto: Mai dire bugie ai bambini.
La C: "VoiolaMinnieeee"
N: "amore di nonna, dai che nonna adesso ti da una cosa buona, ti fa vedere un cartone, ti permette di truccarti...."
Perfetto: non solo la si prende per il culo, ma si cerca di viziarla con tutta una serie di cose non permesse..
LaC: "voio la Minnie"
N: "mò che viene papà te la porta..."
Alla grande: il padre in questione tornerà a sera inoltrata e si ritroverà una figlia in lacrime che lo aspetta neanche fosse il salvatore...
Intanto la bambina non ha voluto saperne di mangiare, di dormire, era solo molesta e a dirla tutta anche un pò patetica..
LaC: "voiolaMinnie.."
N:"amore di Nonna...."
E no, adesso basta.
IO: "Cecilia ascolta: la minnie non c'è; è a casa e andrai a prenderla domani. Adesso o continui a piangere e così però fai intristire tutti o giochiamo con qualcos'altro. Hai capito cosa ha detto la zia?"
LaC:"Zia, mi dai Topolino?"
E questo, per fortuna c'era.
Sottolineo il fatto che a mia suocera non importava che la bambina piagnucolasse come un disco rotto, ma era terrorizzata che non avesse mangiato nulla.
Ma andiamo avanti...
Dome, nipotino terminator, ha la capacità di sudare anche solo pensando; immaginatevi la nonna che, ovviamente, NON VUOLE CHE SUDI. Volete sapere che ha fatto? Ha regalato al nipote...un braccialetto. Non di quelli che danno la scossa elettrica o che..peggio. Era un bracciale-rosario, con Gesù, la Madonna, San Pio... uno di quei gadget terribili che arrivano con Araldi del Vangelo o fratelli della Misericordia o non so.
Una di quelle cosa ad alto rischio di rottura e ingestione da parte di bimbi più piccoli (vedi mio figlio).
Mi fa, con quella vocetta leziosa e strascinata che usa per parlare ai nipoti: "Domenico mi ha promesso che finchè lo mette fa il bravo e non si muove...che sennò Gesù piange!"
Permettetemi una citazione "RABBRIVIDIAMO" (A.M.)
Il massimo della bigotteria, del ricatto e non so che altro.
Io rabbrividisco al pensiero di quello che potrei dire o fare se dicesse a mio figlio una cosa del genere. Probabilmente la strozzerei.

Comunque, La Ceci ha pianto ogni tanto, invocando la Minnie; Dome, infischiandosene del braccialetto, ha corso come un indemoniato tutto il tempo.
E il Nano? Lui era lì, contento di non essere il solo sotto il metro in casa, intento a prendere le misure al cugino per emularlo in tutto e per tutto.
E Nonnaccì, implacabile: "Vedete Davide com'è bravo?...."
E Dome "Ma nonna...io sono Domenico"

Commenti

Ondaluna ha detto…
O_O
Se ci fosse un altro modo per fare la faccia stravolta io la farei di certo.
Contratulazioni per il tuo sangue freddo, il minimo che potessi fare era sfogarti su queste pagine!
Mikela ha detto…
wow, tua suocera le batte tutte... forte ;)
Diletta ha detto…
ciao. ho letto il tuo commento al post di erica. se vuoi mandarmi una mail a samu_dile@hotmail.it t mando volentieri l'invito per accedere al mio blog.
Jolanda ha detto…
Ciao.
Ho visitato il blog e mi è piaciuto. Perché non lo registri nel mio aggregatore di blog di mamme e papà, MammaceBlog?

http://www.mammacheblog.com

se ti va, ti aspetto, ciao, Jolanda
MammainblueJeans ha detto…
@ondaluna: carina la faccina!
@mikela: che fortuna!
@diletta: lo faccio subito!
jolanda: arrivo!

Post popolari in questo blog

palla fibrosa

accade che quella telefonata arrivi.
accade che il tono della voce dall'altro capo del filo sia basso, e strozzato.
accade che la frase inizi con "ti devo dare una brutta notizia".
pensi al tuo vecchio papà.
a S., principessa malata.

e pensi che lo sapevi che questa cazzo di telefonata sarebbe arrivata, che devi essere forte, che forse sarà un bene.
ma non sai, non immagini.

non puoi sapere che in un ospedale lontano un dottore illuminato ha proposto una risonanza magnetica per un bimbo all'apparenza sano, chissà cosa è scattato in quel dottore, chissà cosa di quel bimbo dagli occhi scuri non gli ha fatto dire di tornare a casa, lui e i suoi paranoici genitori.
chissà.
non puoi sapere.
da medico immagini il brivido nel leggere il risultato, quella scarica di adrenalina  di quando hai azzaccato una diagnosi. hai ragione, signor dottore.
il passo in sala operatoria è breve, l'operazione sarà lunga.
aprire una piccola testa, tagliare i riccioli bruni, togliere quell…

un sorriso

il primo sentimento dovrebbe essere la rabbia.
poi lo sconforto, la tristezza.
accompagnati dalla speranza.

io non ho provato niente. nella mia testa non passava un pensiero che fosse uno. solo uno strano ottundimento del sensorio, uno stato stuporoso, un modo ovattato di fare le cose.
non riuscire a piangere.
non riuscire a pregare.
non avere che poche parole scambiate via sms, coincise, quasi fredde.

sono otto giorni che respira con un tubo in gola, otto giorni in cui la sua mamma è devastata al punto di sembrare pazza, che i suoi nonni hanno perso la testa.
otto giorni in cui suo padre è di marmo.
suo padre.
il mio fratello-cugino.
chiuso nel suo dolore in una stanza di ospedale. a tenere la mano del suo bambino.
una stanza è troppo piccola per contenere tutto questo dolore. troppo fragili le pareti, troppo sottili i vetri. e aspetti che tutto imploda, che il mondo si fermi, e non sai come fare a scendere, e a spingere, perchè il mondo deve andare avanti, deve girare...

dopo sms te…

Storie di letto

Sul lettone, quando teoricamente uno si vuole rilassare, c'è un problema.
La mamma ha solo due lati.
E loro sono tre.
La mamma ha solo due braccia.
Di fronte a cotanta inettitudine materna, il magico trio escogita i seguenti sotterfugi per spostare uno degli altri due e raggiungere l'ambita genitrice.
Il Nano grande, pardon , il Ragazzino, se riesce ad arrivare per primo adotta la tecnica "sonofattodipiombo".
Si incolla al materasso e forte dei suoi ventotto chili, non si muove più.
La Nana, protesta.
S'indigna.
S'impenna.
E a differenza dello Stato di Don Raffaè, non getta la spugna.
Anzi. Arriva a dei livelli di bastardaggine indecenti.
Fa il solletico sotto i piedi, finge di aver visto qualcosa per interessare gli altri due, finge di piangere.
Il mininano, di solito, ci casca in pieno.
Spodestato dal suo posto-accanto-alla-mamma, lui è meno creativo della sorella. La sua tecnica si basa sulla sola forza fisica.
e visto che lui, di fisico, oggettivamente no…