Passa ai contenuti principali

Ciao pipì di dadideeeee

lo scorso ano,di questi tempi, scrivevo questo. Non aggiungevo, però, la fine della storia.
Niente lieto fine.
Il nano, dopo una decina di giorni passati a sedersi sul vasino con librini e pupazzetti, decideva di non posare più l regali chiappe sul suo vasino blu, facendoci riprecipitare nel vortice pannolino. il motivo?
probabilmente l'accanirsi di nonnaccì ad usare come vasino una "tazza" (giuro, sembrava la scodella dei cereali, manco la ciotola del cane) e il nano, terrorizzato, è regredito.
ma adesso, alla veneranda età di 2 anni e dieci mesi, la sua mamma ha detto BASTA.
da sabato ho definitivamente archiviato i pannolini, tirato fuori le mutandine e le traverse salvamaterasso e tutto il mio ingegno e fantasia per convincere un nano riluttante a sedersi e mollarla.
"Nano, ascolta... se devi fare la pipì devi dire MAMMA PIPI' così mamma ti porta in bagno... hai capito?"
"mamma io bazo..." fa lui, tenero come una morositas
"grazie tesoro, hai capito cosa ti ha detto mamma?"
"Mamma cossè quelo?" continua, strafottente come solo un nano può essere.
"é un neo... ma capito? devi dire MAMMA PIPI'..."insisto io, paziente
"mamma io bene te tantotanto...ma dove pola?" incalza, venduto come tutti i maschi
"anche io amore...paola dorme.. ma stammi a sentire, hai capito?" dico, e dentro di me penso che devo stare calma.
"mamma io fare bolle..."
"prima facciamo la pipì e poi facciamo le bolle di sapone...tu dimmi MAMMA PIPI', poi scappiamo in bagno e dopo facciamo tutto quello che vuoi" sento he sta per partirmi un embolo, ma respiro e inspiro.
"mamma..."
"si amore"
"io fatto pipì"
con pozzetta giallina ai suoi piedi.
Nel weekend, tutto sommato, non è andata male. Ieri, però è andato all'asilo di mattina, dove ci hanno cazziato perchè non li avevamo avvisati prima (e se lo sapevano che cambiava?), e il pomeriggio dalla nonna.
Ieri sera, prima della nanna, l'ho portato in bagno, con il consueto carico di librini, e un pezzetto di kinder da usare come prenmio.
E' stato il panico.
Urla, pianti, lacrime a fiumi.
Il mio bambino che urlava " nooo io buaaaa..mamma aiuti...c'è mostro mamma"
Altolà..ha detto mostro?...
dopo un'ora abbiamo capito che qualcuno bgli ha parlato di mostri che vivomo nella tazza e lui ha paura, da bravo maschietto, che un caimano salti su e gli morda il pisello.
Giuro che se becco chi è stato lo faccio nero.
La suocera nega, il\suocero pure. e oggi mi sono ritrovata a salutare la pipì di mio figlio che scendeva giù per il water, con lui che agitava la\ manina e diceva "ciiao pipì di dadideeeee..."
speriamo che passi presto

Commenti

TaoMamma ha detto…
Ohggesù che roba... e io che mi credevo di cavarmela prima, ma siamo solo al 23° mese e per ora fermi a pianti e urla se proviamo a metterlo sul water.
Senti, ma finisce bene o no il tuo post?!? Acc.. che ansia! Ciao
Carpina ha detto…
ohhhhhhhh vecchi terribili ricordi! Cosa mi hai ricordato! E soprattutto mi hai fatto rendere conto che poi toccherà anche a Mattìa!!! bbwwuahahahaha!! :_(

Ivan, 4 anni e 2 mesi, se sta giocando (specie a casa di barbamamma, mia sorella) inizia la pipì addosso. è una cosa incredibile. tutt'oggi lo devo costringere ad andare a far pipì appena sveglio, appena rientrati, prima di uscire, prima del bagnetto. Non sempre, ma si ostina e mi chiede sempre 'perchè? non mi scappa!' ma poi la fa lo stesso.

di notte è sempre stato bravo devo dire. solo due notti l'ha fatta. due notti consecutive, in un fresco Settembre di due anni fa, che io ero ai primi mesi di Mattia, e mi sono fatta prendere dalla tremarella 'vuole dirmi qualcosa di orrendo, io sono una madre terribile che non capisco!!'

insomma, è passata la fase acuta, ma tutt'oggi mi porto la sua 'cambiata' in giro (slip e pantaloni)....

AUGURI!

Carpina
Laura GDS ha detto…
Nel film senti chi parla 2 parlano di un mostro della pipì che vive nella tazza. Non è che magari lo ha visto e gli è rimasto impresso?

Post popolari in questo blog

palla fibrosa

accade che quella telefonata arrivi.
accade che il tono della voce dall'altro capo del filo sia basso, e strozzato.
accade che la frase inizi con "ti devo dare una brutta notizia".
pensi al tuo vecchio papà.
a S., principessa malata.

e pensi che lo sapevi che questa cazzo di telefonata sarebbe arrivata, che devi essere forte, che forse sarà un bene.
ma non sai, non immagini.

non puoi sapere che in un ospedale lontano un dottore illuminato ha proposto una risonanza magnetica per un bimbo all'apparenza sano, chissà cosa è scattato in quel dottore, chissà cosa di quel bimbo dagli occhi scuri non gli ha fatto dire di tornare a casa, lui e i suoi paranoici genitori.
chissà.
non puoi sapere.
da medico immagini il brivido nel leggere il risultato, quella scarica di adrenalina  di quando hai azzaccato una diagnosi. hai ragione, signor dottore.
il passo in sala operatoria è breve, l'operazione sarà lunga.
aprire una piccola testa, tagliare i riccioli bruni, togliere quell…

un sorriso

il primo sentimento dovrebbe essere la rabbia.
poi lo sconforto, la tristezza.
accompagnati dalla speranza.

io non ho provato niente. nella mia testa non passava un pensiero che fosse uno. solo uno strano ottundimento del sensorio, uno stato stuporoso, un modo ovattato di fare le cose.
non riuscire a piangere.
non riuscire a pregare.
non avere che poche parole scambiate via sms, coincise, quasi fredde.

sono otto giorni che respira con un tubo in gola, otto giorni in cui la sua mamma è devastata al punto di sembrare pazza, che i suoi nonni hanno perso la testa.
otto giorni in cui suo padre è di marmo.
suo padre.
il mio fratello-cugino.
chiuso nel suo dolore in una stanza di ospedale. a tenere la mano del suo bambino.
una stanza è troppo piccola per contenere tutto questo dolore. troppo fragili le pareti, troppo sottili i vetri. e aspetti che tutto imploda, che il mondo si fermi, e non sai come fare a scendere, e a spingere, perchè il mondo deve andare avanti, deve girare...

dopo sms te…

Storie di letto

Sul lettone, quando teoricamente uno si vuole rilassare, c'è un problema.
La mamma ha solo due lati.
E loro sono tre.
La mamma ha solo due braccia.
Di fronte a cotanta inettitudine materna, il magico trio escogita i seguenti sotterfugi per spostare uno degli altri due e raggiungere l'ambita genitrice.
Il Nano grande, pardon , il Ragazzino, se riesce ad arrivare per primo adotta la tecnica "sonofattodipiombo".
Si incolla al materasso e forte dei suoi ventotto chili, non si muove più.
La Nana, protesta.
S'indigna.
S'impenna.
E a differenza dello Stato di Don Raffaè, non getta la spugna.
Anzi. Arriva a dei livelli di bastardaggine indecenti.
Fa il solletico sotto i piedi, finge di aver visto qualcosa per interessare gli altri due, finge di piangere.
Il mininano, di solito, ci casca in pieno.
Spodestato dal suo posto-accanto-alla-mamma, lui è meno creativo della sorella. La sua tecnica si basa sulla sola forza fisica.
e visto che lui, di fisico, oggettivamente no…