Passa ai contenuti principali

Mi scappa la pipì


Mi sa che ci siamo.

Il Nano, quasi ventitrè mesi, inizia a chiedere il vasino. Ce ne siamo accorti perchè da sabato tenta in tutti i modi di strapparsi il pannolino e se ne va in giro nudo come un verme. Sabato abbiamo trovato infatti un pannolino in corridoio e una..robina santa(?)poco distante.

E vasino sia.

Fase A: comprare delle mutande da nano.

Fase B: mettere le mutande al nano in questione.

Fase C: armarsi di santa pazienza, mocio vileda e una camionata di ironia. (e quando mai?).

Devo essere onesta, quando siamo a casa non è un grande problema. Anche perchè abbiamo notato che se gli scappa coccocosa inizia ad armeggiare o con l'elastico degli slip (e in questo caso deve fare la cacca) o col pisellino (niente da fare, I MASCHI HANNO QUESTO CHIODO FIsSO FIN DALLA PIU' TENERA ETA') per la plinplin.

Andrebbe tutto bene se non fosse per Nonnaccì, che dice che fa ancora troppo freddo per lasciarlo nudo (non so da voi, ma qui oggi c'erano 35 gradi a mezzogiorno) e che si ostina a usare il riduttore perchè "Domenico ha fatto così". (peccato che mio figlio piange se lo metti sulla tazza col riduttore)

Ragion per cui, consigliati anche dalle maestre, abbiamo deciso di tenerlo in versione mutandina a casa e pannolino fuori. Quando a luglio finiranno le trasferte, sarà solo mutandina, e per quasi quattro mesi smetteremo di comprare pannolini.

Riporto le seguenti scenette, per evidenziare lo stato attuale delle cose in casa mia.

1- Il Tu ha appena riportato a casa il nano, che si aggira in corridoio coperto solo da un inquietante pannolino. "mamma, ioioioio" fa lui, e tenta di strapparsi il pannolino. "Tu, mettilo sul vasino, che deve fare la cacca" "machedici? l'haappena fattaall'asilo! adessonontifissare..." non finisce neanche di parlare che il nano la molla, e per punizione lo spedisco a cambiarlo e a fargli mettere le mutandine.

2- Il Nano si sta sfottendo il pisello "Tu, corri, il vasino!" "Nano, devi fare plinplin?" il nano sussurra un "no" piccolo piccolo. "Vedi, ha detto di no...oh cacchio" plinplinnnata sul tappeto del bagno. YOGA.

3- Il Nano è in mutande a vedere la Tv. "mamma...tatta" " Tu lo porti in bagno..." " ma sei proprio fissata! aspè.." e porta il vasino in soggiorno. "tanto non deve fare niente..ops! ha fatto la cacca!" Il Nano lo guarda, si alza e butta un' occhiata compiaciuta alla sua creazione. "Mamma...ioioio. Papa...prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr"
Della serie: mammina, guarda come sono stato bravo. Papino: FRIGGITI!

Commenti

diana ha detto…
e bravo il nano....ve bè...la cacca porta bene...o no^^^!!!
Trasparelena ha detto…
è veramente precoce il tuo nano! (o la mia è stata veramente lenta? nono è il tuo che è precoce :-) )
MoonaFlowers ha detto…
Bello questo blog, ti linko così posso continuare a seguirti. E magari intanto imparo qualcosina ^^
mamma al quadrato ha detto…
Che bravo il nano! Mi viene l'orticaria solo all'idea di iniziare un doppio spannolinamento! :)
Alessandra1966 ha detto…
Il mio maggiore ha abbandonato il pannolino grazie a Ray Mysterio, lottatore di wrestling. Mamma, ma Ray Mysterio usa il pannolino? Ma no!!! Come potrebbe usarlo un forzuto così!!! Ok, allora non lo uso più neppure io. E così è stato.
Il secondo ci è riuscito dopo innumerevoli letture del libro "Bo impara a usare il wc", libercolo illustrato sulle vicissitudini dell'orsetto Bo e dotato di bottoncino che, schiacciato, fa il rumore dello sciacquone. E sono cose belle. Complimenti, bel blog.
MammainblueJeans ha detto…
@laura: hehehe
@diana: ma sì...che porti bene!
@trasparelena: dici?
@MoonaFlowers: welcome to my blog! adesso vengo a curiosare sul tuo!
@mammaalquadrato: a me veniva all'idea di avere un nano rande da cambiare e uno gnomico da cambiare, allattare, cullare...aggggggggggggggggg!
Alessandra: Rey Mysterio? peno che andrò a cercare l'orsetto in libreria..
Gabriella ha detto…
Ciao! Carino il tuo blog! Qs. tuo post mi ha fatto fare un salto indietro nel tempo quando ho passato questa fase di spannolimento con le mie pesti... Mi ricordo ancora quando portavo giù mia figlia al parchetto munita di doppie paie di mutandine nella borsa per cambi veloci... In casa poi avevo arrotolato tutti i tappeti per non avere incidenti di percorso, ma senza troppe paranoie... A presto Ciaooo Gabry

Post popolari in questo blog

palla fibrosa

accade che quella telefonata arrivi.
accade che il tono della voce dall'altro capo del filo sia basso, e strozzato.
accade che la frase inizi con "ti devo dare una brutta notizia".
pensi al tuo vecchio papà.
a S., principessa malata.

e pensi che lo sapevi che questa cazzo di telefonata sarebbe arrivata, che devi essere forte, che forse sarà un bene.
ma non sai, non immagini.

non puoi sapere che in un ospedale lontano un dottore illuminato ha proposto una risonanza magnetica per un bimbo all'apparenza sano, chissà cosa è scattato in quel dottore, chissà cosa di quel bimbo dagli occhi scuri non gli ha fatto dire di tornare a casa, lui e i suoi paranoici genitori.
chissà.
non puoi sapere.
da medico immagini il brivido nel leggere il risultato, quella scarica di adrenalina  di quando hai azzaccato una diagnosi. hai ragione, signor dottore.
il passo in sala operatoria è breve, l'operazione sarà lunga.
aprire una piccola testa, tagliare i riccioli bruni, togliere quell…

un sorriso

il primo sentimento dovrebbe essere la rabbia.
poi lo sconforto, la tristezza.
accompagnati dalla speranza.

io non ho provato niente. nella mia testa non passava un pensiero che fosse uno. solo uno strano ottundimento del sensorio, uno stato stuporoso, un modo ovattato di fare le cose.
non riuscire a piangere.
non riuscire a pregare.
non avere che poche parole scambiate via sms, coincise, quasi fredde.

sono otto giorni che respira con un tubo in gola, otto giorni in cui la sua mamma è devastata al punto di sembrare pazza, che i suoi nonni hanno perso la testa.
otto giorni in cui suo padre è di marmo.
suo padre.
il mio fratello-cugino.
chiuso nel suo dolore in una stanza di ospedale. a tenere la mano del suo bambino.
una stanza è troppo piccola per contenere tutto questo dolore. troppo fragili le pareti, troppo sottili i vetri. e aspetti che tutto imploda, che il mondo si fermi, e non sai come fare a scendere, e a spingere, perchè il mondo deve andare avanti, deve girare...

dopo sms te…

Storie di letto

Sul lettone, quando teoricamente uno si vuole rilassare, c'è un problema.
La mamma ha solo due lati.
E loro sono tre.
La mamma ha solo due braccia.
Di fronte a cotanta inettitudine materna, il magico trio escogita i seguenti sotterfugi per spostare uno degli altri due e raggiungere l'ambita genitrice.
Il Nano grande, pardon , il Ragazzino, se riesce ad arrivare per primo adotta la tecnica "sonofattodipiombo".
Si incolla al materasso e forte dei suoi ventotto chili, non si muove più.
La Nana, protesta.
S'indigna.
S'impenna.
E a differenza dello Stato di Don Raffaè, non getta la spugna.
Anzi. Arriva a dei livelli di bastardaggine indecenti.
Fa il solletico sotto i piedi, finge di aver visto qualcosa per interessare gli altri due, finge di piangere.
Il mininano, di solito, ci casca in pieno.
Spodestato dal suo posto-accanto-alla-mamma, lui è meno creativo della sorella. La sua tecnica si basa sulla sola forza fisica.
e visto che lui, di fisico, oggettivamente no…