Passa ai contenuti principali

Io non ho scelta

Ieri dottore.
Anzi, ieri ospedale per un tampone.
Arrivo, fa caldissimo, e mi sento strna, come se avessi una sindrome pre mestruale. Un'ostetrica se ne accorge: "signora, ma ha dolori?"
Sì, no...non è niente. Insomma, non mi piegano in due, sono fastidi.
Due minuti e arriva il mio gine, il burlone.
Tre e mi sbattono al pronto soccorso ostetrico, "per stare trnquilli".
Sarà, ma io ero tanto bellina e felice e mi rirovo al pronto soccorso, sola e terrorizzata.
Solita trafila di domande, solita plinplin prima di essere visitata.
Tutto ok. Sono fascicolazioni, ossia "contrazioni" buone e parziali, perchè l'utero si sta dilatando.
"prenda queste pillole, niente sesso, niente scale e stia stesa quattro cinque giorni"
"Mi stia a sentire, è un caso da gravidamza a rischio?"
"no, signora mia...stia tranquilla..." fa lui scherzoso
"tranquilla un paio di palle. Ok le pillole e il sesso, ma io abito al quarto piano senza ascensore, per un totale di 106 gradini, e o vado a lavorare o chiudo bottega. Quindi o mi mette in gravidanza a richio, se questa cosa è pericolosa per il mio mininano, e allora la mia indennità la uso per pagare qualcuno che mi sostituisca, oppure ridimensiona le mie limitazioni e io prometto di non sbattermi troppo."
Resta basito.
"vabbè, oggi stia a riposo, dove per riposo intendo stare stesa il più possibile. Domanoi riprenda la sua vita, ma se i dolori tornano si prende una pausa e una pillola. Non faccia fesserie, daccordo?"
"daccordo."
Ieri ho vegetato sul divano, col nano che chiamava "mamma" per ogni cosa, e per fortuna che c'era mia mamma arrivata l'altro ieri.
Oggi sono andata a farmi perscrivere le altre analisi, ho portato l'impgnativa al policlinico, ho preso un pulmann e sono andata a fare shopping da gestante con nonna in blue jeans, regalandomi qualche cosetta sfiziosa e un gelatone alla frutta. La mia pancia non ha fatto capricci, se ero stanca mi fermavo e adesso sono bella e tranquilla in studio, alla mercè del condizionatore.
Tralascio i duecento cinque sensi di colpa per aver risposto in quel modo al medico. Tralascio sul discorso che mi ha fatto il Tu, che ha confessato di essere terrorizzato da un ipotetico ricovero, o da un altro parto prematuro.
Non ho scelta.
Lui lo sa. Io non ho scelta. Nel momento in cui ho deciso di avere questo figlio ho messo in conto che avrei dovuto prendere decisioni dettate dalla necessità, e non dal cuore o dalla testa.
Il mininano sta bene. Io sono un pò stanca, ma sto bene.
E continuerò a stare bene. Perchè io non ho scelta.

Commenti

diana ha detto…
carissima
credo che tu sappia quello che stai facendo, quindi ora goditi(In senso metaforico...ahahahahah!!) il riposo e se sarà riposo forzato sia....
kikka ha detto…
ok.. niente scelta, ma un impegno: non stra-fare!...
promesso??...
un abbraccio
Laura GDS ha detto…
Vorrei non stare a centinaia di Km da te, per poterti dare una mano in ambulatorio. Un abbraccione a te e alla probabile mininana.
Elena ha detto…
caspita.. purtoppo è vero che lavorando in proprio ci sono scelte che alla fine sono obbligate.. nel limite del possibile cerca di non strapazzarti troppo e se la nonna ti può aiutare... ben venga!!
MammainblueJeans ha detto…
Grazie a tutte!
ho fatto la brava, non ho dolori e a parte il caldo stò una meraviglia!

Post popolari in questo blog

di alberi, presepi e altre amenità natalizie...

ci sono moltissime cose che non capisco.
davvero. e molte riguardano i bambini. non i miei nello specifico, ma in generale. e visto che siamo in un inizio di clima Natalizio, le mie perplessità aumentano. primo.
l'albero di Natale.  sui social è una gara a chi fa l'albero più carico, fashion, luminoso, elegante, originale, minimal e chi più ne ha più ne metta. bellissimi. superbi. da farmi schiattare d'invidia.  (non riuscirei mai ad essere così precisa, così perfezionista. mi farei fregare da una schifezza fatta dal mininano, o un lavoretto a quattro mani degli altri due. tanto valore affettivo, poca coreografia.) quindi, albero da vetrina.  salvo poi a dire che è stato fatto per i nani o con i nani. sarà che i tre sono pasticcioni, chiassosi e colorati.  sarà che il loro senso estetico è ...ehm...acerbo(???) ma quando ho dato loro in mano palline e stelle filanti l'unica contenta era la gatta, vista la quantità di giocattoli sparsi sul pavimento. quindi non tiriamoci…

acute osservazioni da mininano (e non solo)

quando il Ragazzino era un mininano, era molto trasportabile.
aspettava tranquillo la fine di un congresso in braccio al papà, o giocherellava con un pupazzetto durante la Messa della domenica.
lei, un pò meno. ok i congressi, ma ferma in chiesa durante la messa anche no. (e ho appeso al chiodo le mie corde vocali)
poi è arrivato lui, il mininano.
quello che il giorno del suo compleanno ha esordito con un "mamma, ho cinque anni, sono quasi un uomo"
che se sta fermo dietro pagamento (colori, librini) non sta zitto MAI.
specialmente durante la Messa.
di seguito le illuminanti considerazioni del mio terzogenito, tutte enunciate a voce più o meno alta, in momenti di silenzio più o meno assoluto:

"mamma, ma perchè il Don ha il microfono e non canta?"
"mamma, ma perchè questi della Chiesa chiedono sempre soldi?"
"mamma, ma Gesù è invisibile che nessuno lo vede?"
"mamma, mi sto annoiando"
"mamma...PUZZETTA!!!"

decisamente un Nano con uno…

Idee Regalo made in Nani

Quest'anno il ragazzino riceverà il Sacramento della Comunione.
L'evento, che sarà festeggiato nella più totale sobrietà, ha una grave controindicazione.
la lista regali.

"mamma, il mio amico G. ha chiesto il cellulare, il tablet e la go-pro per la comunione...e io?"

Parliamone.
lasciamo stare i moralismi sul regalare roba elettronica costosa e potenzialmente pericolosa a un nano di nove anni.
la mia risposta è una sola: NO.
visto che un no secco non può far desistere un ragazzino, la tecnica è un'altra.
ammaliarlo con qualcos'altro.
l'altro è un viaggio.
decide lui la meta.

dopo due giorni annuncia che le scelte sono:
A) Londra, e i luoghi di Harry Potter. (qui mi sono gonfiata di orgoglio...è decisamente figlio mio!)
B) una città dove ci sia un acquario grandissimo (e qui se la battono Genova e Valencia).

bene, devo solo avvisare il parentado che il primo laccettino d'oro con la croce che vedo in giro glielo tiro appresso.

arriva lei, incavolata ner…