Passa ai contenuti principali

Top ten

La settimana prossima avrò l'altra visita dal burlone, quella in cui dovremmo confermare il sesso di mininano. Il problema è: "come la chiamiamo?".
Vista la totale incapacità del Tu a pensare a un nome, allego top ten di nomi che gli propinerò nel week end, sperando che non storca il naso a tutti.
Visto che, come dicevano i latini, nomen omen, mi sono soffermata su nomi che avessero un bel significato, un bel suono, che stessero bene col cognome e che non fossero troppo comuni da queste parti. Comunue si accettano suggerimenti.
  1. Alice: dal greco ALIKE, significa "creatura marina". Mi fa venire in mente Alice della favola, il primo libro che ho letto in inglese.
  2. Erica: di origine germanica, significa "ricca d'onore"o "unica padrona". L'erica è inoltre una pianta che ha dei piccoli fiorellini rossastri o porpora. Mi sembra un nome da donna forte.
  3. Elisa: derivazione ebraica, si può intendere come "Dio è salvezza" o come "Dio è perfezione." E' un nome dolce, poco comune da queste parti.
  4. Sabrina: origine incerta, secondo alcuni significa "affilata, pungente" secondo altri "spinosa ma dolce". Personalmente mi è venuto in mente guardando il film Sabrina, che trovo delizioso. E poi una che è spinosa ma dolce dovrebbe essere una capace di cavasela in questo mondo di maschi.
  5. Ester: di origine ebraica, significa "stella".
  6. Irene: dal greco, significa pace.
  7. Anna: ebraico e significa "la benefica". E'il nome della mia mamma :-) e della mia migliore amica.
  8. Giulia: secondo una versione "sacra a Giove", secondo un'altra, "lanugginosa, pelosa". Come ha detto qualcuno prima di me, rischio di doverle regalare un silkepil a tre mesi. Ma il suono mi piace moltissimo.

Ok avevo detto top ten... ma in verità gli altri due nomi che mi piacciono un casino lui li ha già cestinati... comunque li inserisco per dovere di cronaca.

Emma: anche se il significato lascia un pò a desiderare (nutrice), il suono mi piace anche più di Giulia, senza contare che ho adorato il libro omonimo della Austen. Il Tu lo ha liquidato da tempo con un "ma che schifo!" segno che non capisce un cacchio, almeno di letteratura inglese.

Viola: è il mio preferito in assoluto. Mi fa venire in mente le viole del pensiero, l'eroina della dodicesima notte, e poi è decisamnete poco comune. Peccato che lui fa "amore, ma qui vale il detto "violacoloredellaciola", la prenderebbero tutti per il culo..." Visto che in gergo barese la "ciola" sarebbe il...ehm.. pisello... ho dovuto convenire che ha ragione.

E se fosse un maschietto? Bhe, un nome c'è, ma non ve lo dico!!! HIHIHI

Commenti

muccachicca ha detto…
per me i più belli tra quelli che hai messo sono
Giulia ed Erica
e poi avrei anche io scelto Viola
MoonaFlowers ha detto…
Bellissimo Emma, peccato che te l'ha già cestinato. Il mio se fosse stato femmina si sarebbe chiamato..Matilde ^^ (ma anch'io all'inizio avevo suggerito Emma, che tra l'altro era il nome di mia nonna, peccato che neanche a mio marito sia piaciuto, vabbè).
Diletta ha detto…
a me piace moltissimo Irene ma ce n'è già una in famiglia e non volevamo nomi doppi. anche Emma è bellissimo...
diana ha detto…
bellissimo Viola!!!
mi piace molto anche Ester
Laura GDS ha detto…
Beh il sacerdote della tua parrocchia lo ha già detto: "Ester".
Qui è uno sproposito di Alice, ma ancor più di Ginevra.
Anna, mi preoccupa più che altro per nonnaccì: e se poi passa il tempo arinfacciarti che le hai dato il nome di tua mamma e non il suo?
Slela ha detto…
Io voto Elisa!
E' il secondo nome (di battesimo) di mia figlia, ed è stato in ballottaggio col primo per moltissime settimane.
Trasparelena ha detto…
se avessi un'altra bambina la chiamerei Anna, oppure Chiara. Anche Anita non mi dispiace (ma questi due ultimi nella tua top-ten non ci sono)
kikka ha detto…
io voto Giulia (ma sono di parte!!) ed Elisa..
Elena ha detto…
anche a me piacciono i nomi che hanno un bel significato, è come augurare al piccolo qualcosa di speciale per la sua vita!
loredana ha detto…
allora i miei preferiti sono senza dubbio Viola ed Emma, infatti se il cucciolo che ho in grembo dovesse essere femmina vorrei scegliere uno di questi...abitando anche noi in zona Bari mio marito ha cantato la stessa filastrocca del tuo mentre per Emma ci sono ancora speranze!

Post popolari in questo blog

palla fibrosa

accade che quella telefonata arrivi.
accade che il tono della voce dall'altro capo del filo sia basso, e strozzato.
accade che la frase inizi con "ti devo dare una brutta notizia".
pensi al tuo vecchio papà.
a S., principessa malata.

e pensi che lo sapevi che questa cazzo di telefonata sarebbe arrivata, che devi essere forte, che forse sarà un bene.
ma non sai, non immagini.

non puoi sapere che in un ospedale lontano un dottore illuminato ha proposto una risonanza magnetica per un bimbo all'apparenza sano, chissà cosa è scattato in quel dottore, chissà cosa di quel bimbo dagli occhi scuri non gli ha fatto dire di tornare a casa, lui e i suoi paranoici genitori.
chissà.
non puoi sapere.
da medico immagini il brivido nel leggere il risultato, quella scarica di adrenalina  di quando hai azzaccato una diagnosi. hai ragione, signor dottore.
il passo in sala operatoria è breve, l'operazione sarà lunga.
aprire una piccola testa, tagliare i riccioli bruni, togliere quell…

un sorriso

il primo sentimento dovrebbe essere la rabbia.
poi lo sconforto, la tristezza.
accompagnati dalla speranza.

io non ho provato niente. nella mia testa non passava un pensiero che fosse uno. solo uno strano ottundimento del sensorio, uno stato stuporoso, un modo ovattato di fare le cose.
non riuscire a piangere.
non riuscire a pregare.
non avere che poche parole scambiate via sms, coincise, quasi fredde.

sono otto giorni che respira con un tubo in gola, otto giorni in cui la sua mamma è devastata al punto di sembrare pazza, che i suoi nonni hanno perso la testa.
otto giorni in cui suo padre è di marmo.
suo padre.
il mio fratello-cugino.
chiuso nel suo dolore in una stanza di ospedale. a tenere la mano del suo bambino.
una stanza è troppo piccola per contenere tutto questo dolore. troppo fragili le pareti, troppo sottili i vetri. e aspetti che tutto imploda, che il mondo si fermi, e non sai come fare a scendere, e a spingere, perchè il mondo deve andare avanti, deve girare...

dopo sms te…

Storie di letto

Sul lettone, quando teoricamente uno si vuole rilassare, c'è un problema.
La mamma ha solo due lati.
E loro sono tre.
La mamma ha solo due braccia.
Di fronte a cotanta inettitudine materna, il magico trio escogita i seguenti sotterfugi per spostare uno degli altri due e raggiungere l'ambita genitrice.
Il Nano grande, pardon , il Ragazzino, se riesce ad arrivare per primo adotta la tecnica "sonofattodipiombo".
Si incolla al materasso e forte dei suoi ventotto chili, non si muove più.
La Nana, protesta.
S'indigna.
S'impenna.
E a differenza dello Stato di Don Raffaè, non getta la spugna.
Anzi. Arriva a dei livelli di bastardaggine indecenti.
Fa il solletico sotto i piedi, finge di aver visto qualcosa per interessare gli altri due, finge di piangere.
Il mininano, di solito, ci casca in pieno.
Spodestato dal suo posto-accanto-alla-mamma, lui è meno creativo della sorella. La sua tecnica si basa sulla sola forza fisica.
e visto che lui, di fisico, oggettivamente no…