Passa ai contenuti principali

La casa della pantegana

Alzi la mano chi non ce la fa più a vedere sempre lo stesso DVD col proprio nano.
Attualmente a casa mia si trasmette solo e unicamente "playhouse Disney", ossia Topolino, Winnie the pooh, i little Einsteins e Handy Manny: 99 minuti di cartoni no-stop.
Tralascio Winnie, che per mia fortuna il Nano non si fila più di tanto, Little Einsteins, che sono deliziosi, e Handy Manny, che Davi adora ("Mamma..Manny!").
Parliano del caro vecchio Topolino. Mickey Mouse era una sorcetto simpatico e un pochino tonto, con una fidanzata, un cane combinaguai, un acerrimo nemico dispettoso, e due amici buffi.
Adesso no.
Si vogliono tutti bene, hanno questa sorta di circolo privato (casa dei giochi) con un sacco di cose strane... la Topolatrice (ma cosa è? una lavatrice per pantegane?) gli strumentopoli , la mangolfiera...il puzzle del giorno che cambia per mettere alla prova i piccoli spettatori (almeno nell'unico episodio in mio possesso). E' una specie di percorso a ostacoli, per stimolare i nani a rispondere ed interagre con la TV. Ok la cosa sarà anche educativa...ma che palle!
Il caro vecchio Sorcetto fine a se stesso, no?
Tipo, Topolino che fa l'albero di Natale, Pluto lo fa cadere, l'albero si rompe, Topolino s'incazza di brutto e lo caccia via, ma poi si pente e lo rincorre e vissero felici e contenti?
Mi ricordo che m'incantavo a guardarli, questi cartoni demodè... anche se non erano educativi.
O forse non lo erano secondo la linea attuale.
L'unico che non si smentisce mai è Pippo, ma per fortuna che altrimenti scrivevo alla Disney per protesta.
Comunque, facendoci due conti, prima Mickey Mouse aveva una villetta prefabbricata con fiori alle finestre e una piccola utilitaria.
Adesso ha una Playhouse, un parco giochi, una mongolfiera e uno starno aggeggio di nome Toodles che gli porta le cose.
Per uno che è ufficialmente nulla facente l'incremento delle proprietà è notevole.
C'è da chiedersi cosa ci faccia con la playhouse mentre nessuno guarda....

Commenti

ValeFulminata ha detto…
Eh, se uno volesse essere "politically uncorrect" come minimo penserebbe ad un'associazione a delinquere finalizzata allo spaccio assieme a Gambadilegno, Pippo (che è sempre stonato... Insospettisce parecchio) ed il Commissario Basettoni che copre le malefatte dei due...
Vabbe', dai, ricordiamoceli com'erano =))
Slela ha detto…
Ci sono ancora i vecchi cartoni disney, nei canali tv disney, satellite o digitale che sia.
Ma ai bimbi piccoli piace più la casa di Topolino, è vero.
Mia figlia ora è grande, si guarda le winx e martin mystere, o al limite il caro vecchio tom e jerry.
Laura GDS ha detto…
beh che dire, grazie! starò attenta ai DVD che arrivano in casa e se mi sembrano idioti come quello che hai descritto tu farò in modo che non siano visibili!

Post popolari in questo blog

di alberi, presepi e altre amenità natalizie...

ci sono moltissime cose che non capisco.
davvero. e molte riguardano i bambini. non i miei nello specifico, ma in generale. e visto che siamo in un inizio di clima Natalizio, le mie perplessità aumentano. primo.
l'albero di Natale.  sui social è una gara a chi fa l'albero più carico, fashion, luminoso, elegante, originale, minimal e chi più ne ha più ne metta. bellissimi. superbi. da farmi schiattare d'invidia.  (non riuscirei mai ad essere così precisa, così perfezionista. mi farei fregare da una schifezza fatta dal mininano, o un lavoretto a quattro mani degli altri due. tanto valore affettivo, poca coreografia.) quindi, albero da vetrina.  salvo poi a dire che è stato fatto per i nani o con i nani. sarà che i tre sono pasticcioni, chiassosi e colorati.  sarà che il loro senso estetico è ...ehm...acerbo(???) ma quando ho dato loro in mano palline e stelle filanti l'unica contenta era la gatta, vista la quantità di giocattoli sparsi sul pavimento. quindi non tiriamoci…

palla fibrosa

accade che quella telefonata arrivi.
accade che il tono della voce dall'altro capo del filo sia basso, e strozzato.
accade che la frase inizi con "ti devo dare una brutta notizia".
pensi al tuo vecchio papà.
a S., principessa malata.

e pensi che lo sapevi che questa cazzo di telefonata sarebbe arrivata, che devi essere forte, che forse sarà un bene.
ma non sai, non immagini.

non puoi sapere che in un ospedale lontano un dottore illuminato ha proposto una risonanza magnetica per un bimbo all'apparenza sano, chissà cosa è scattato in quel dottore, chissà cosa di quel bimbo dagli occhi scuri non gli ha fatto dire di tornare a casa, lui e i suoi paranoici genitori.
chissà.
non puoi sapere.
da medico immagini il brivido nel leggere il risultato, quella scarica di adrenalina  di quando hai azzaccato una diagnosi. hai ragione, signor dottore.
il passo in sala operatoria è breve, l'operazione sarà lunga.
aprire una piccola testa, tagliare i riccioli bruni, togliere quell…

caro Babbo, ti scrivo...

che i tre fossero diversi, è cosa nota.
che tutti i bambini abbiano gusti e preferenze personali, e che i genitori/nonni/parenti si debbano adeguare, è un sacrosanto diritto di ogni nano.
che i miei di nani si divertano a scombussolarti la vita e i programmi...

di seguito copia delle letterine di Natale.
il mini, che per un ultimo anno non scrive ma detta, è stato alquanto ironico
dettato#1

"caro Babbo Natale,
sono Enrico.
per Natale voglio la pista di Cars, l'altra pista di Crs3 e la macchina di Cars3.
Ciao"

e no, caro mini... iniziamo da rivedere i tempi del verbo, che qui niente è dovuto.


"caro Babbo Natale,
sono Enrico.
per Natale voglio vorrei la pista di Cars, l'altra pista di Cars3 e la macchina di Cars3.
Ciao"

poi, va bene che Snoopy insegna che è la stagione dell'avidità, ma non esageriamo...


"caro Babbo Natale,
sono Enrico.
per Natale voglio vorrei la pista di Cars, l'altra pista di Cars3 e la macchina di Cars3.
Ciao"

infine, un …