Passa ai contenuti principali

La festa è finita

Sabato matrimonio.
Per i fortunelli che non sono delle mie parti, spiego che sabato matrimonio equivale a IMMANE FATICACCIA CONDITA DI CIBO. Perchè un matrimonio alla barese inizia verso le dieci e finisce a mezzanotte passata. Praticamente un tour de force..
Allora, messa nel ridente paesino di X alle 10.30, e sposa che arriva SOLO un'ora dopo... mi dispiace, ma ho gentilmente declinato. Costringere un nano dueenne e una povera gravida a due ore in chiesa sovraffollata dovrebbe essere perseguibile per legge.
Ricevimento nell'entroterra BRINDISINO (distanza tra X e Y circa 80km)... ve la faccio breve...ci siamo mossi di casa alle 13.30, siamo arrivati un'ora dopo...E GLI SPOSI SONO ARRIVATI DOPO DI NOI.
Tra foto, brindisi e convenevoli hanno aperto il buffet verso le 16.30... e poi balli, primi, secondi... il Nano si è molto divertito a ballare musica anni '80 imitando i cuginetti (per i quali ballare equivale a girare su se stessi e buttarsi a terra), ha deciso che non doveva mangiare niente e ha corteggiato l'uscita per circa tre ore (e come dargli torto?).
Io ho mangiato con moderazione, ho fatto yoga quando nonnaccì pretendeva di fare addormentare il nano mentre LEI ballava l'hully gully, ho ascoltato i tremiladuecento consigli non rischiesti di tutti i parenti del Tu (ma carini belli, non vi siete accorti che ho già un figlio?)e poi..sono scappata. Appena la temperatura è scesa ho afferrato mio figlio e gli ho dato la libertà, portandolo sul prato all'inglese adibito ad area giochi. Qui due simpatici animatori controllavano nani dai tre anni in su. Ho sequestrato uno scivolo e l'ho usato a mo' di sdraio. Rigorosamente a piedi nudi.
Il Nano che, perdonate il francesismo, faceva i cazzi suoi, libero di rotolarsi tra erba e fango, io troppo lontana per essere raggiunta dai commenti di mia suocera o dal richiamo "c'è il terzo secondo, ma che fai, non mangi?"
Ho chiesto ai due ragazzi a che ora sarebbe finita...lui mi guarda e fa "se sei fortunata è per le 23.30...ma alcuni arrivano anche alle 2.00 di notte"
Alle nove arriva la torta, con pantagruelico buffet di frutta e dolci,e poi...inizia a diluviare. Sui gelati, sul gateau mariage, sulla panna cotta e sui babà. Poco si salva in trenta minuti di acqua torrenziale.
Tutti al coperto...ma che peccato...ecco le bomboniere...
Ok la festa è finita. Andiamo a casa.
FINALMENTE.

Commenti

simplymamma ha detto…
dai però sono belli i nostri matrimoni, ti stanchi ma se ti metti dalla parte degli sposi...già quel giorno vola, almeno così dura un pò di più!!!
Slela ha detto…
Da noi chi si sposa la mattina deve sgomberare il ristorante entro le 19 perché poi c'è sempre un altro matrimonio in coda, di quelli che si sposano il pomeriggio.
Tutto un altro mondo!
Twins(bi)mamma ha detto…
uau..quest'anno mi sono salvata...quando ricevo inviti il primo pensiero è: che bello si sposano e poi: speriamo che sia di sabato pomeriggio così la mattina vado con calma dal parrucchiere, sistemo i twins e la domenica mi posso riprendere dalla "fatica"....
Anna ha detto…
Una matrimonio al sud è un'impresa!da noi iniziano alle 10.30 con la messa, pranzo (e cena) fino alle 20.00, taglio della torta(ore 21.00) e balli almeno fino alle 2.00(ora in cui il ristorante ti sbatte furi!) e poi non è finita qua!!Amici e parenti ti fanno la serenata sotto casa, musica, balli, canti, baldoria, si mangia e si beve (soprattutto!!)un'altra volta almeno fino alle 6 del mattino.Al mio matrimonio mi sono svegliata alle 5 del 18/08 per andare dalla parrucchiera e sono andata a dormire alle 6 del 19/08 praticamente 25 ora NO-STOP!!
@twins(bi)mamma:da noi il sabato non ci si sposa perchè c'è il mercato e nessuno vuole farsi le foto fuori dalla chiesa con il rischio di trovarsi sullo sfondo "mutane&pedalini" di qualche bancarella!!Di solito sono il lunedi',il mercoledì e il giovedì, tutti rigorosamente ad Agosto(perchè vengono i parenti).

Non so se ho reso l' idea!!
Ale ha detto…
Capito qui per caso e....come ti capisco, dall'ultimo matrimonio in cui siamo stati intrappolati siamo scappati nell'intervallo fra il terzo primo e il primo secondo...erano 20.30...lo sgomento dettato dalla bomboniera: 63 cm di vetro di murano dorato e non dico altro, casa mia sono 65 mq!!!

La nuova normativa familiare prevede la non accettazione di inviti compresi i parenti...andiamo solo in chiesa!!

Post popolari in questo blog

palla fibrosa

accade che quella telefonata arrivi.
accade che il tono della voce dall'altro capo del filo sia basso, e strozzato.
accade che la frase inizi con "ti devo dare una brutta notizia".
pensi al tuo vecchio papà.
a S., principessa malata.

e pensi che lo sapevi che questa cazzo di telefonata sarebbe arrivata, che devi essere forte, che forse sarà un bene.
ma non sai, non immagini.

non puoi sapere che in un ospedale lontano un dottore illuminato ha proposto una risonanza magnetica per un bimbo all'apparenza sano, chissà cosa è scattato in quel dottore, chissà cosa di quel bimbo dagli occhi scuri non gli ha fatto dire di tornare a casa, lui e i suoi paranoici genitori.
chissà.
non puoi sapere.
da medico immagini il brivido nel leggere il risultato, quella scarica di adrenalina  di quando hai azzaccato una diagnosi. hai ragione, signor dottore.
il passo in sala operatoria è breve, l'operazione sarà lunga.
aprire una piccola testa, tagliare i riccioli bruni, togliere quell…

un sorriso

il primo sentimento dovrebbe essere la rabbia.
poi lo sconforto, la tristezza.
accompagnati dalla speranza.

io non ho provato niente. nella mia testa non passava un pensiero che fosse uno. solo uno strano ottundimento del sensorio, uno stato stuporoso, un modo ovattato di fare le cose.
non riuscire a piangere.
non riuscire a pregare.
non avere che poche parole scambiate via sms, coincise, quasi fredde.

sono otto giorni che respira con un tubo in gola, otto giorni in cui la sua mamma è devastata al punto di sembrare pazza, che i suoi nonni hanno perso la testa.
otto giorni in cui suo padre è di marmo.
suo padre.
il mio fratello-cugino.
chiuso nel suo dolore in una stanza di ospedale. a tenere la mano del suo bambino.
una stanza è troppo piccola per contenere tutto questo dolore. troppo fragili le pareti, troppo sottili i vetri. e aspetti che tutto imploda, che il mondo si fermi, e non sai come fare a scendere, e a spingere, perchè il mondo deve andare avanti, deve girare...

dopo sms te…

Storie di letto

Sul lettone, quando teoricamente uno si vuole rilassare, c'è un problema.
La mamma ha solo due lati.
E loro sono tre.
La mamma ha solo due braccia.
Di fronte a cotanta inettitudine materna, il magico trio escogita i seguenti sotterfugi per spostare uno degli altri due e raggiungere l'ambita genitrice.
Il Nano grande, pardon , il Ragazzino, se riesce ad arrivare per primo adotta la tecnica "sonofattodipiombo".
Si incolla al materasso e forte dei suoi ventotto chili, non si muove più.
La Nana, protesta.
S'indigna.
S'impenna.
E a differenza dello Stato di Don Raffaè, non getta la spugna.
Anzi. Arriva a dei livelli di bastardaggine indecenti.
Fa il solletico sotto i piedi, finge di aver visto qualcosa per interessare gli altri due, finge di piangere.
Il mininano, di solito, ci casca in pieno.
Spodestato dal suo posto-accanto-alla-mamma, lui è meno creativo della sorella. La sua tecnica si basa sulla sola forza fisica.
e visto che lui, di fisico, oggettivamente no…