Passa ai contenuti principali

Oggi ho toccato il fondo.


E non contenta ci ho anche scavato un pò sotto.


Sveglia alle 7.30, come da copione. Poi colazione del Tu, del nano, del cane-in-blue-jeans, ritirare il bucato della sera prima, stendere un altro bucato, cambiare il pannolinzolo al nano, giocare con lui fino alle 10, quando decide di crollare.


Allora... pipì (mi scappava) e l'odio della casalinga disorganizzata (IO): L'ASSE DA STIRO.


Nell'ora di tregua da nano ho stirato:


6 polo del Tu


5 magliette naniche


4 biddi-bodydy-bù


7 pantaloncini


2 magliette mie


2 paia di pantaloni


1 divisa da calcio del Tu


3 camicie


4 paia di lenzuola con federe




Quando ho finito mi sono attaccata alla bottiglia dell'acqua neanche fossi un cammello dopo 10 giorni nel deserto. Sudavo da fare schifo, e avevo ancora addosso la t-shirt del Tu con cui ho dormito.


Tiro fuori dal frigo carote zucchine e lattuga per il fantastico passato di verdure del magico magico gnomo, che ovviamente si sveglia e protesta.


Lo tiro fuori dal lettino, e lo metto nel seggiolino da tavolo (10 minuti) solo il tempo di infilare le verdure nel cuocipappa a vapore.


Allora inizia una martatona per casa, cori di qua e di la perchè nno non vuole stare fermo ma non sa ancora camminare da solo, distrailo, gioca con lui, cerca di tenerlo occupato i cinque minuti che ci vogliono a passare le verdure, mettere sul fuoco il pentolino pe la pastina che è arivato mezzogiorno.


Pastina pronta. Imbavaglino un nano che sembra moooolto interessato all'articolo, ma dopo i primi 4 cucchiaini... stop, basta. La boccuccia si chiude e non si apre più.


Ora sono sempre sudata, stessata e con pastina appiccicata addosso. Lui se la ride.


BASTA!


Chiamo l'uomo della mia vita, il padre di mio figlio. Così torna a casa un pò prima, prende il pane, la carne, magari la frutta.

MA ANCHE NO.

La crema del mio caffè mi comunica che deve andare fuori per lavoro, salta il pranzo, e passerà alle 17 a prendere il nano per portarlo dai nonni (perchè io dovrei anche andare al lavoro).

Mi guardo intorno.

Il nano è sul suo tappetone e gioca con i cubi, una bottiglia di coca cola (vuota) e la bacinella dei panni che è riuscito ad afferrare, e ora la usa come tamburo.

Mi guardo. Ho una maglietta a righe che sembro un'evasa da Alcatraz, i cespugli in testa e le gambe che avrebbero bisogno di una ceretta.

Le scarpe non so dove le ho lasciate, quindi sono anche scalza.

Il nano ride.


Non mangio. Non bevo. Cerco di addormentare mio figlio a furia di bacetti, coccolin e passeggiate ninnanannezzanti.

NISBA.

Alle 17 arriva il Tu che mi fa "ma come, non sei pronta?" scatenando in me istinti omicidi. Mi doccio alla velocità della luce, mi catapulto per le scale.

In macchina trovo la sorpresa: il nuovo seggiolino del nano,peso 22 kg, da montare.

Visto che la mia mano è più piccola, lo devo montare io.

Faccio una sauna... poi vado al lavoro.

Una cliente mi fa "dott. ma come mai è così... SFATTA?"


..CHISSA' COME MAI...



Commenti

Anonimo ha detto…
...scusa, ma quanto ha il nano, che pesa 22 kg?
Per non commentare sulla tua giornata da panico (che poi è anche la mia tipica...!)

;-)) ridiamoci sù, che è meglio!
polepole
MammainblueJeans ha detto…
nooooooooooooooooooo, il nano ha 1 anno per 10 kg e mezzo! è il seggiolino auto nuovo che più nuovo non si può che pesa mezzo quintale!

Post popolari in questo blog

di alberi, presepi e altre amenità natalizie...

ci sono moltissime cose che non capisco.
davvero. e molte riguardano i bambini. non i miei nello specifico, ma in generale. e visto che siamo in un inizio di clima Natalizio, le mie perplessità aumentano. primo.
l'albero di Natale.  sui social è una gara a chi fa l'albero più carico, fashion, luminoso, elegante, originale, minimal e chi più ne ha più ne metta. bellissimi. superbi. da farmi schiattare d'invidia.  (non riuscirei mai ad essere così precisa, così perfezionista. mi farei fregare da una schifezza fatta dal mininano, o un lavoretto a quattro mani degli altri due. tanto valore affettivo, poca coreografia.) quindi, albero da vetrina.  salvo poi a dire che è stato fatto per i nani o con i nani. sarà che i tre sono pasticcioni, chiassosi e colorati.  sarà che il loro senso estetico è ...ehm...acerbo(???) ma quando ho dato loro in mano palline e stelle filanti l'unica contenta era la gatta, vista la quantità di giocattoli sparsi sul pavimento. quindi non tiriamoci…

palla fibrosa

accade che quella telefonata arrivi.
accade che il tono della voce dall'altro capo del filo sia basso, e strozzato.
accade che la frase inizi con "ti devo dare una brutta notizia".
pensi al tuo vecchio papà.
a S., principessa malata.

e pensi che lo sapevi che questa cazzo di telefonata sarebbe arrivata, che devi essere forte, che forse sarà un bene.
ma non sai, non immagini.

non puoi sapere che in un ospedale lontano un dottore illuminato ha proposto una risonanza magnetica per un bimbo all'apparenza sano, chissà cosa è scattato in quel dottore, chissà cosa di quel bimbo dagli occhi scuri non gli ha fatto dire di tornare a casa, lui e i suoi paranoici genitori.
chissà.
non puoi sapere.
da medico immagini il brivido nel leggere il risultato, quella scarica di adrenalina  di quando hai azzaccato una diagnosi. hai ragione, signor dottore.
il passo in sala operatoria è breve, l'operazione sarà lunga.
aprire una piccola testa, tagliare i riccioli bruni, togliere quell…

caro Babbo, ti scrivo...

che i tre fossero diversi, è cosa nota.
che tutti i bambini abbiano gusti e preferenze personali, e che i genitori/nonni/parenti si debbano adeguare, è un sacrosanto diritto di ogni nano.
che i miei di nani si divertano a scombussolarti la vita e i programmi...

di seguito copia delle letterine di Natale.
il mini, che per un ultimo anno non scrive ma detta, è stato alquanto ironico
dettato#1

"caro Babbo Natale,
sono Enrico.
per Natale voglio la pista di Cars, l'altra pista di Crs3 e la macchina di Cars3.
Ciao"

e no, caro mini... iniziamo da rivedere i tempi del verbo, che qui niente è dovuto.


"caro Babbo Natale,
sono Enrico.
per Natale voglio vorrei la pista di Cars, l'altra pista di Cars3 e la macchina di Cars3.
Ciao"

poi, va bene che Snoopy insegna che è la stagione dell'avidità, ma non esageriamo...


"caro Babbo Natale,
sono Enrico.
per Natale voglio vorrei la pista di Cars, l'altra pista di Cars3 e la macchina di Cars3.
Ciao"

infine, un …