Passa ai contenuti principali

Gnomici Germi e feticismo da Nano

Due immani tragedie si sono avvicendate nel corso degli ultimi cinque giorni:
  1. un virus infido e bastardo ha azzoppato il mio pc (nel senso che una mattina l'ho acceso e...sembrava Natale: ERA TUTTO BIANCO!) quindi devo rubacchiare quello del Tu per avere un contatto con la blogosfera.
  2. come dicono a Bari, il Nano è caduto malato(!).

Se la prima cosa è oltremodo seccante, la seconda sta annientando la famiglia in blue jeans, minando le sue radici di pace, tranquillità e vita molto hippie.

Perchè i malefici germi del Nano hanno una maniera subdola di agire: il giorno lo lasciano in pace, e quindi lo vedi zompettare per casa con la candela al naso, vispo come una vespa. Arriva l'ora dei dormire e...BUM: 'sto stronzo di un germe fa magicamente alzare la temperatura di mio figlio (ma non abbastanza da usare la santa tachipirijgna) condannando me e il Tu a una notte insonne dopo l'altra, tra aspiratori nasali e pomate balsamiche. La variante l'abbiamo avuta stanotte; niente febbre, ma una colata di muco che sembra cemento ha occluso il piccolo naso del nostro bimbo, AZZERANDO le chance di dormire per più di quindici minuti di fila. Adsso siamo al quarto giorno di reclusione, con Nonnaccì e Nonno felix che stanno con Davide mentre io lavoro e il Tu anche.

Davide, intanto, sta cercando di ampliare i suoi orizzonti e le sue possibilità di divertimento inventando nuovi ed entusiasmanti giochi come:

"tiriamo tutte le tovaglie fuori dal cassetto"(devo decidermi a comprare i blocca cassetto da Ikea)

"usiamo la bacinella dei panni come un tamburo e la spazzola di mamma come bacchetta" (ma perchè nonnaccì non chiude semplicemete la porta del ripostiglio?)

"buttiamo le mollette nella ciotola del cane"(povero Macli!)

"baciamo i piedi alla mamma"

Ebbene sì, molte donne vorrebbero un uomo che si prostra a terra e bacia loro i piedi (solitamente curati, profumati e smaltati): io ho un nano minuscolo che si butta a terra, mi afferra il ditone e cerca di ricoprirlo di bava... sarà feticista?

Commenti

mamma al quadrato ha detto…
Auguri di prontissima guarigione a Davide. Che tormento l'aspiratore nasale...ma una volta come facevano le nostre mamme?
Elena ha detto…
povero Davide!!! tanti auguri di pronta guarigione!! lo capisco proprio in questo momento!! speriamo che gli passi alla svelta, per lui e per voi!!
valewanda ha detto…
qnch'io ti auguro una pronta guarigione... però a me, con tre nani tre, nessuno ha mai baciato i piedi...
Anonimo ha detto…
secondo me, vuole solo giocare!!!!
x esempio, e non prendetemi male, mangiavo le orecchie a mio fratello, xkè erano grandi e morbide...ora non le mangio ma ogni tanto, quando mi è vicino, ci gioco!!! non è feticismo...
cristina
Amalia ha detto…
Non ho ancora sperimentato raffreddori/influenze nella veste di mamma. E diciamo pure che ho un po' di fifa per quando arriverà il momento.
Auguri di buona guarigione al piccolo Davide.
:-)
MammainblueJeans ha detto…
Grazie a tutte!

Post popolari in questo blog

palla fibrosa

accade che quella telefonata arrivi.
accade che il tono della voce dall'altro capo del filo sia basso, e strozzato.
accade che la frase inizi con "ti devo dare una brutta notizia".
pensi al tuo vecchio papà.
a S., principessa malata.

e pensi che lo sapevi che questa cazzo di telefonata sarebbe arrivata, che devi essere forte, che forse sarà un bene.
ma non sai, non immagini.

non puoi sapere che in un ospedale lontano un dottore illuminato ha proposto una risonanza magnetica per un bimbo all'apparenza sano, chissà cosa è scattato in quel dottore, chissà cosa di quel bimbo dagli occhi scuri non gli ha fatto dire di tornare a casa, lui e i suoi paranoici genitori.
chissà.
non puoi sapere.
da medico immagini il brivido nel leggere il risultato, quella scarica di adrenalina  di quando hai azzaccato una diagnosi. hai ragione, signor dottore.
il passo in sala operatoria è breve, l'operazione sarà lunga.
aprire una piccola testa, tagliare i riccioli bruni, togliere quell…

un sorriso

il primo sentimento dovrebbe essere la rabbia.
poi lo sconforto, la tristezza.
accompagnati dalla speranza.

io non ho provato niente. nella mia testa non passava un pensiero che fosse uno. solo uno strano ottundimento del sensorio, uno stato stuporoso, un modo ovattato di fare le cose.
non riuscire a piangere.
non riuscire a pregare.
non avere che poche parole scambiate via sms, coincise, quasi fredde.

sono otto giorni che respira con un tubo in gola, otto giorni in cui la sua mamma è devastata al punto di sembrare pazza, che i suoi nonni hanno perso la testa.
otto giorni in cui suo padre è di marmo.
suo padre.
il mio fratello-cugino.
chiuso nel suo dolore in una stanza di ospedale. a tenere la mano del suo bambino.
una stanza è troppo piccola per contenere tutto questo dolore. troppo fragili le pareti, troppo sottili i vetri. e aspetti che tutto imploda, che il mondo si fermi, e non sai come fare a scendere, e a spingere, perchè il mondo deve andare avanti, deve girare...

dopo sms te…

Storie di letto

Sul lettone, quando teoricamente uno si vuole rilassare, c'è un problema.
La mamma ha solo due lati.
E loro sono tre.
La mamma ha solo due braccia.
Di fronte a cotanta inettitudine materna, il magico trio escogita i seguenti sotterfugi per spostare uno degli altri due e raggiungere l'ambita genitrice.
Il Nano grande, pardon , il Ragazzino, se riesce ad arrivare per primo adotta la tecnica "sonofattodipiombo".
Si incolla al materasso e forte dei suoi ventotto chili, non si muove più.
La Nana, protesta.
S'indigna.
S'impenna.
E a differenza dello Stato di Don Raffaè, non getta la spugna.
Anzi. Arriva a dei livelli di bastardaggine indecenti.
Fa il solletico sotto i piedi, finge di aver visto qualcosa per interessare gli altri due, finge di piangere.
Il mininano, di solito, ci casca in pieno.
Spodestato dal suo posto-accanto-alla-mamma, lui è meno creativo della sorella. La sua tecnica si basa sulla sola forza fisica.
e visto che lui, di fisico, oggettivamente no…