Passa ai contenuti principali

Sabato è arrivata

Sabato è arrivata.
E io ero senza i nani, perchè era troppo il caos, così li ho spediti a fare la spesa col papà.
L'ho accolta nella mia casa incasinata, così diversa da quella ordinatissima a cui era originariamente destinata, imprecando sottovoce per quel mezzo centimetro che non avevo calcolato.
Sabato è arrivata la stanzetta dei nani, direttamente dalla calabria Saudita.
"oh bella, ma che è, non ci sono negozi di mobili a Bari?" direte voi.
Eccome se ci sono.
Ma questa stanzetta è la MIA stanzetta. Nonnainbluejeans, pratica come sempre, ha organizzato il trasloco (facendoci risparmiare un bel pò di soldini).
Mobili bianchi con un righino rosso ai bordi, e ventisei anni di ricordi.
Il sopralzo dell'armadio dove mamma nascondeva i regali di Natale.
Il secondo cassetto dove mia sorella chiuse il gatto (non lo fece apposta).
Il mio letto.
Adesso ci dorme il Nano.

E' stranissimo vedere quella stanzetta in casa mia.
E' bellissimo vedere i nani che ci giocano dentro.

Ed è estremamente divertente riorganizzare la stanza, cercare i tessuti per i copriletto e la tenda, fare schizzi per un mezzo murales (chissà se riuscirò a farlo), sfogliare catalogo ikea e spulciare nei mummy blog alla ricerca di qualche idea divertente.
Cerxcherò di postare qualche foto (quando riuscirò a farle), nel frattempo si accettano suggerimenti, descrizione delle stanze dei vostri nani, eccetera...

Commenti

Zia Atena ha detto…
Io la mia cameretta non la vorrei mai per mia figlia..è tutta ROOOOOOOSA...
E io ho sempre odiato l'equazione FEMMINUCCIA=ROSA..
Però posso immaginare le tue sensazioni..
Un pezzo di calabria in Puglia..sarebbe anche il mio sogno...
MAMMA AL QUADRATO ha detto…
anch'io ho usato per Mattia quello che è stato il mio lettino...immagino l'emozione nel vedere i tuoi figli nella tua cameretta di bambina...dai, postaci le foto!
Trasparelena ha detto…
che bello!! io la cameretta vera e propria non l'avevo, cioè avevo la mia stanza ma c'erano dei mobili di recupero di mio papà quando era single, e per me han comprato solo il letto e la libreria.
Ora in quel letto ci dorme la BambinaGrande quando sta dai nonni
annaxs ha detto…
la stanza del mio piccino di otto mesi e' molto semplice a dire la verit'a non abbiamo una vera cameretta di quelle che si vedono nelle riviste casa facile...diciamo che ho messo un po' della mia fantasia..armadietto ricavato da un mobiletto che non mi stava piu' in cucina io l ho trasformato e poi ho messo nei muri degli animaletti solorati tipo adesivi e poi un quadro del mitico winny de poo...e poi per terra un grande spazio per i giochi..
Laura GDS ha detto…
La stanza delle nane è ancora nei sogni per il momento. Primo perchè una delle due se la sta nuotando in piscina, e secondo perchè anche noi abbiamo intenzione di cercare qualcosa di più grande per 4 umani e 4 gatti.
Non so come te la cavi tu a disegnare, ma io che a mano libera sono negatissima (ora mi sto specializzando in farfalle granddi e picocle coi pastelli a cera) per le decorazioni murarie ripiego sugli stancil. E pr quello che riguarda i " ricordi" la mimi è da un anno che dorme nel mio letto, con le lenzuola che, mia mamma feticista, ha tenuto da parte "perchè non si sa mai".
MammainblueJeans ha detto…
@zia Atena: rosaaaaa nnoooooooooo!
@laura: tenterò..ma sono decisamente impedita
@trasparelena: quando siamo dai nonni il nano dorme nel ...lettino che era della nonna (a casa mia non si butta niente!)
@annaxs: ma va benissimo! fino a che eravamo nell'altra casa anche io avevo riciclato e dato spazio ai colori e alla fantasiua...ma adesso che il nano ha tre nni e la nana quasi uno avevo bisogno almeno di un armadio serio, prima che il caos mi risucchiasse come un enorme buco nero...
@lauragds: è una femminaaaaaaa?!! auguri!
le lenzuola le volevo riciclare, ma a parte un paio a pios verdi e gialli sono tutte decisamente "da femmina" e il nano è in quella fase "io sono un maschio vero"...
Amalia ha detto…
il musetto dorme nella mia cameretta a casa dei miei. nella mia di casa, invece, lo spazio per il momento è risicatissimo e nella sua stanzetta trovano spazio solo il letto, un mobile per i vestiti ed un tavolino a misura di bimbo con due sedioline.
mammasidiventa.ilcannocchiale.it
diana ha detto…
bello che emozione!!!
la camera dei miei nani è nuova e funzionale ma se l'avessi avuta ancora...bello brava

Post popolari in questo blog

palla fibrosa

accade che quella telefonata arrivi.
accade che il tono della voce dall'altro capo del filo sia basso, e strozzato.
accade che la frase inizi con "ti devo dare una brutta notizia".
pensi al tuo vecchio papà.
a S., principessa malata.

e pensi che lo sapevi che questa cazzo di telefonata sarebbe arrivata, che devi essere forte, che forse sarà un bene.
ma non sai, non immagini.

non puoi sapere che in un ospedale lontano un dottore illuminato ha proposto una risonanza magnetica per un bimbo all'apparenza sano, chissà cosa è scattato in quel dottore, chissà cosa di quel bimbo dagli occhi scuri non gli ha fatto dire di tornare a casa, lui e i suoi paranoici genitori.
chissà.
non puoi sapere.
da medico immagini il brivido nel leggere il risultato, quella scarica di adrenalina  di quando hai azzaccato una diagnosi. hai ragione, signor dottore.
il passo in sala operatoria è breve, l'operazione sarà lunga.
aprire una piccola testa, tagliare i riccioli bruni, togliere quell…

un sorriso

il primo sentimento dovrebbe essere la rabbia.
poi lo sconforto, la tristezza.
accompagnati dalla speranza.

io non ho provato niente. nella mia testa non passava un pensiero che fosse uno. solo uno strano ottundimento del sensorio, uno stato stuporoso, un modo ovattato di fare le cose.
non riuscire a piangere.
non riuscire a pregare.
non avere che poche parole scambiate via sms, coincise, quasi fredde.

sono otto giorni che respira con un tubo in gola, otto giorni in cui la sua mamma è devastata al punto di sembrare pazza, che i suoi nonni hanno perso la testa.
otto giorni in cui suo padre è di marmo.
suo padre.
il mio fratello-cugino.
chiuso nel suo dolore in una stanza di ospedale. a tenere la mano del suo bambino.
una stanza è troppo piccola per contenere tutto questo dolore. troppo fragili le pareti, troppo sottili i vetri. e aspetti che tutto imploda, che il mondo si fermi, e non sai come fare a scendere, e a spingere, perchè il mondo deve andare avanti, deve girare...

dopo sms te…

Storie di letto

Sul lettone, quando teoricamente uno si vuole rilassare, c'è un problema.
La mamma ha solo due lati.
E loro sono tre.
La mamma ha solo due braccia.
Di fronte a cotanta inettitudine materna, il magico trio escogita i seguenti sotterfugi per spostare uno degli altri due e raggiungere l'ambita genitrice.
Il Nano grande, pardon , il Ragazzino, se riesce ad arrivare per primo adotta la tecnica "sonofattodipiombo".
Si incolla al materasso e forte dei suoi ventotto chili, non si muove più.
La Nana, protesta.
S'indigna.
S'impenna.
E a differenza dello Stato di Don Raffaè, non getta la spugna.
Anzi. Arriva a dei livelli di bastardaggine indecenti.
Fa il solletico sotto i piedi, finge di aver visto qualcosa per interessare gli altri due, finge di piangere.
Il mininano, di solito, ci casca in pieno.
Spodestato dal suo posto-accanto-alla-mamma, lui è meno creativo della sorella. La sua tecnica si basa sulla sola forza fisica.
e visto che lui, di fisico, oggettivamente no…