Passa ai contenuti principali

Che non è femmina!!

"che lui non è femmina...."
Questa è la...giustificazione che nonnaccì accompagna alle richieste di tagliare i ricciolini al nano.
Potevo accettare i "ma così suda" o "sembra un selvaggio" o "sono più pratici". No. Il prblema è che il nano può passare per una bambina e... nonsiamai!!!!
Alla mia risposta (nonesisteproprio) ha ribattuto "che mò con la bambina ti puoi sfiziare, a lui non sta bene..."
Ok calma.
Che nonnaccì sia di vedute ristrette anzi di più lo sapevo. Che fosse già in atto una campagna per la discriminazione tra i miei nani lo temevo e basta.
Siamo logici: quando è nato davi avevo già notato come il rapporto cose da maschi-cose da femmine fosse di 1:3. Uno stand di vestitini azzurri contro 3 rosa, Una parete di macchinine, disnosauri e costruzioni e tre di Barbie, cicciobello e simili.
In effetti per le nane c'è un assortimento e una scelta maggiore.
In effetti per scegliere la prima tutina per la nana il Tu ci ha messo tre quarti d'ora (per Davi: tre minuti).
Ma avere una figlia femmina si riduce a questo?
Sia chiaro, anche io avevo vestine col ricetto, e bambole principesse, ma anche i lego e la bicicletta. Non ero un maschiaccio, ma giocavo con i maschi senza problemi.
E loro giocavano con me e mia sorella.
Inventavamo giochi che stessero bene a tutti, e le mamme non erano scandalizzate se i loro figlioli facevano i cuochi o le loro bambine si cimentavano in battaglie indiani-cowboy.
Le mie amiche nana-munite, più per loro diletto che per quello delle loro rampolle, vivono sommerse tra rosa, glicine e, per le più audaci, il fuxia. Per carità, liberissime di farlo, ma esistono anche altri colori. Se non c'è Hello Kitty non comprano, ma non per le loro nane, per LORO.
Non so con che faccia una vada in tribunale con una mega anello di hello kitty al dito. O metta nella classe A i copritesta con la gattina nipponica a grandezza naturale...che se i bambini la sporcano s'incazzano pure.
Sia chiaro, gli oggettini "kidcult" sono divertenti, ma senza esagerare. Anche prechè il messaggio che si dà è spesso contraddittorio, una roba tipo "io sono grande, ma faccio cose da piccoli".
Oggi ero al policlinico per un controllo, di fronte a me c'era una quattordicenne con scarpe Nike rosa shoking, cellulare con una winx appesa e una bella panzetta da quinto mese! Praticamente una piccola che ha fatto cose da grandi!
Ho guardato il Tu, che era piuttosto scioccato.
"ricordami che devo fare una bella chiacchierata con i nani verso i loro 13 anni, anzi, forse anche dodici...." ed era tristemente serio.
Siamo noi a fare figli, e spetta a noi crescerli in un modo che non è paritario, che manda in un modo subdolo messaggi spesso discriminatori e offensivi.
Dopo la discussione sui capelli di mio figlio (che non taglierò), abbiamo comunicato ai nonni l'altezza e il peso stimato della nipotina in arrivo: 47 cm per 2 kg e 900 gr.
"ma non è che è troppo pesante? che non sta bene che una bambina sia grassa..."
e non commento...

Questo post partecipa al
blogstorming

Commenti

viaggiareconibambini ha detto…
ciao il tuo è un bel problema !credo che le nonne non devono intromettersi sull'educazione dei figli o sulle scelte che tu fai per loro quindi fai quello che tu più ritieni giusto, un saluto Chiara
Diletta ha detto…
a parte che quando ho letto il titolo pensavo avessi scoperto che la nanna in realtà e un nano! va beh comunque oltre a questo io posso dirti che avendo maschio e femmina di pari età spesso li trovo che Niki gioca con le bambole e la Ludo con le macchinine. Secondo me è bello così, è giusto che i bambini sperimentino tutto e giochino con le cose che gli piacciono di più senza pensare se è da maschio o da femmina!
Laura GDS ha detto…
mibj ti sono solidale: non ho una nonnaccì, per fortuna la nonna e la omi sono a modo.
Se non fosse che qui al nord di veterinari dove ti giri ne trovi ti proporrei di scappare quassù, così i nani giocherebbero con la Mimi che veste qualsiasi colore e sbava per una sleccazzata di labrador!

Però ammettiamolo che i vestitini da bimba sono un bel po' più carini!
rosa ha detto…
da 1 a 10 sono d'accordo con te 10++
mi ricordo ancora quando mi accingevo a comprare qualcosina per la mia B in arrivo, guardavo le bimbe in giro e pensavo: ma perché si accaniscono tutti sul rosa? poi ho iniziato a giare per negozi e ho capito: il mondo dei bebè si divide in due colori il celeste e il rosa! per avere altri colori devi veramente rimboccarti le maniche! basta con lo strapotere del rosa. non è che se ti vesti di rosa sei più femmina di una che si veste di giallo! la mia B ancora la scambiano per maschietto e io cocciuta di che colore la vesto: grigio :-)
Mamma Cattiva ha detto…
Tu sei il futuro! Vai dritta per la tua strada e ignora le interferenze. Un abbraccio grande.
Trasparelena ha detto…
non ci credo che tua suocera (è la suocera, se non ho capito male nonnacì, no?) ti ha detto che la bambina cheancoradevenascere è troppo grassa. NON CI POSSO CREDERE.
Per i capelli non so dire... mia figlia fino ai 2 anni era pelata e TUTTI mi chiedevano se era maschio, pure se aveva la gonna. E a me oggettivamente dava fastidio... sarò di vedute ristrette...
Trasparelena ha detto…
dimenticavo: pure essendo di vedute ristrette le abbiamo comprato macchinine, trenino, banchetto da falegname con chiodi e martello e la bici rossa (non rosa), perchè a lei piaceva quella!
muccachicca ha detto…
mi hai fatto venire in mente quando mia suocera mi ha detto, in merito al fatto che il biscottino gioca con l'aspirapolvere, "ma gli fai fare i giochi da femmina?"
Zia Atena ha detto…
Dunque...sono nata prematura e poi son diventata obesa salvo poi smettere completamente di mangiare...tutto ciò.con una nonna che ABITAVA CON NOI...ti lascio immaginare i drammi quotidiani!!!
Non ne parliamo quando ho iniziato a parlare di professione,ingegneria, aerei..SONO COSE DA MASCHI..io, secondo la nonna, dovevo fare il medico..anzi la GINECOLOGA!!!!
Per fortuna in tutto ciò i miei son riusciti sempre ad arginare (anche se mai completamente causa coabitazione)le furie nonnifere...e mi sembra che, anche se ero prima troppo grassa poi troppo magra e ho sempre fatto cose da maschi, non son venuta su poi così male..!
Morale della favola...i figli sono "TUOI"...e gli unici che si possono permettere il diritto di capire la loro indole siete tu e il loro papaà...
Tieni duro....!!!!
(p.s. il peso stimato della mia Alice al 30 Settembre era di 3.5 kg e ancora non è nata...che dici,è troppo grassa???)
Elena ha detto…
Sul commento finale by nonna rabbrividisco,ma devo dire che anche io non sono una grande fan dei maschi con i capelli lunghi, non è molto bello, ma parere mio. Più che altro vorrei chiederti una cosa: ma non è un po' strano che si intromettano così i nonni? Nel senso: matti i paletti, ma alla grande (visti i modi e visto l'ultimo commento sulla bimba), però ripeto: anche io al maschietto terrei i capelli corti

Post popolari in questo blog

di alberi, presepi e altre amenità natalizie...

ci sono moltissime cose che non capisco.
davvero. e molte riguardano i bambini. non i miei nello specifico, ma in generale. e visto che siamo in un inizio di clima Natalizio, le mie perplessità aumentano. primo.
l'albero di Natale.  sui social è una gara a chi fa l'albero più carico, fashion, luminoso, elegante, originale, minimal e chi più ne ha più ne metta. bellissimi. superbi. da farmi schiattare d'invidia.  (non riuscirei mai ad essere così precisa, così perfezionista. mi farei fregare da una schifezza fatta dal mininano, o un lavoretto a quattro mani degli altri due. tanto valore affettivo, poca coreografia.) quindi, albero da vetrina.  salvo poi a dire che è stato fatto per i nani o con i nani. sarà che i tre sono pasticcioni, chiassosi e colorati.  sarà che il loro senso estetico è ...ehm...acerbo(???) ma quando ho dato loro in mano palline e stelle filanti l'unica contenta era la gatta, vista la quantità di giocattoli sparsi sul pavimento. quindi non tiriamoci…

palla fibrosa

accade che quella telefonata arrivi.
accade che il tono della voce dall'altro capo del filo sia basso, e strozzato.
accade che la frase inizi con "ti devo dare una brutta notizia".
pensi al tuo vecchio papà.
a S., principessa malata.

e pensi che lo sapevi che questa cazzo di telefonata sarebbe arrivata, che devi essere forte, che forse sarà un bene.
ma non sai, non immagini.

non puoi sapere che in un ospedale lontano un dottore illuminato ha proposto una risonanza magnetica per un bimbo all'apparenza sano, chissà cosa è scattato in quel dottore, chissà cosa di quel bimbo dagli occhi scuri non gli ha fatto dire di tornare a casa, lui e i suoi paranoici genitori.
chissà.
non puoi sapere.
da medico immagini il brivido nel leggere il risultato, quella scarica di adrenalina  di quando hai azzaccato una diagnosi. hai ragione, signor dottore.
il passo in sala operatoria è breve, l'operazione sarà lunga.
aprire una piccola testa, tagliare i riccioli bruni, togliere quell…

caro Babbo, ti scrivo...

che i tre fossero diversi, è cosa nota.
che tutti i bambini abbiano gusti e preferenze personali, e che i genitori/nonni/parenti si debbano adeguare, è un sacrosanto diritto di ogni nano.
che i miei di nani si divertano a scombussolarti la vita e i programmi...

di seguito copia delle letterine di Natale.
il mini, che per un ultimo anno non scrive ma detta, è stato alquanto ironico
dettato#1

"caro Babbo Natale,
sono Enrico.
per Natale voglio la pista di Cars, l'altra pista di Crs3 e la macchina di Cars3.
Ciao"

e no, caro mini... iniziamo da rivedere i tempi del verbo, che qui niente è dovuto.


"caro Babbo Natale,
sono Enrico.
per Natale voglio vorrei la pista di Cars, l'altra pista di Cars3 e la macchina di Cars3.
Ciao"

poi, va bene che Snoopy insegna che è la stagione dell'avidità, ma non esageriamo...


"caro Babbo Natale,
sono Enrico.
per Natale voglio vorrei la pista di Cars, l'altra pista di Cars3 e la macchina di Cars3.
Ciao"

infine, un …