Passa ai contenuti principali

Rimpiangere i puffi


La famiglia in blue jeans non ama la TV.

Rettifica: la famiglia in blue jeans non ha il tempo o la voglia di guardare tanta TV. Ci capita di guardare pezzi di Doctor House ogni 15 giorni, non capendone un emerito, e, a volte, la carrellata di rai tre dalle 14.00 alle 15.30.

Oggi il Tu ha fatto un pochino di zapping mentre io facevo i piatti e ha trovato i cartoni della Worner Bros su italia uno.

"amore, guarda, come quando eravamo piccoli noi" e si è messo a giocare col nano.

Non che me ne fregasse molto (dei cartoni), visto che ero alle prese con le pentole e i fornelli. Comunque a un certo punto l'ho sentito dire "non è possibile" ed è arrivato incavolato nero in camera da letto, col Nano in braccio e la faccia arrabbiata.
"?" faccio io.
"E' uno schifo! indovina cosa trasmettono a quest'ora tra un cartone animato e un filmetto per bambini?"
"?"
"GOSSIP GIRL!" risponde lui "e sai come inizia il prologo?" (chiaramente domanda retorica) e recita, con la parodia di una voce femminile:
"ma non eravamo amiche?"
"sì, prima che tu ti scopassi il mio ragazzo"

Allora, metto in chiaro un paio di cose: nè io nè il tu siamo due puritani. Personalmente appartengo alla categoria di adolescenti che rincoglionivano dietro a lLuke Perry di Beverly Hill's e non sarei onesta se facessi la paranoia a i fan di Gossip Girg; verrebbe da dire, "generazione che vai, serie spazzatura che trovi", ma lasciamo stare. Probabilmente si vergogneranno da soli di questo tra qualche anno.
Ma sbattere in piena fascia protetta una serie così "diseducativa" mi sembra troppo.
Mi sono messa a navigare e ho trovato questo .
La legge italiana vieta di "coinvolgere minori di anni quattordici in argomenti o immagini di contenuto volgare, licenzioso o violento".
Tralascio il fatto che, come al solito, c'è qualcuno che se ne frega delle regole.
Mi chiedo una cosa sola: PERCHE'?
Perchè mandare in onda un programma che fino allo scorso anno era relegato alla seconda serata?
E' un discorso di alzare gli ascolti, di sparare pubblicità a palla, visto che tra poco è Natale? E perchè su questa guida TV il suddetto programma non è neanche menzionato, mentre su questo giornale é in programma da settimane?
Confusa, sono confusa. E seccata.
Rimpiango la mia infanzia, quando alle 20.00 c'erano i Puffi e litigavo con papà che voleve vedere il telegiornale.
E penso a Davide.
A quello che potrebbe rimpiangere.
Ai mille attentati che la sua infanzia subirà, a questo consumismo che potrebbe uccidere i suoi sogni, a valori che non valgono più niente.
Amore, Amicizia, Solidarietà.
Rispetto verso il prossimo, che sia uomo, o animale o pianta.
Gratitudine per quello che si ha.

Un tempo la televisione insegnava questo.

Adesso forse, è arrivato il momento di spegnerla.





Commenti

diana ha detto…
hai ragione è uno schifo...io avevo scritto una mail per così fan tutte in prima serata che era volgare e molto spinto...prova a lamentarti...se ritrovo indirizzo moige te lo mando,,,,,anzi gliela scrivo pure io una mail.
TuttoDoppio ha detto…
Quanto hai ragione, sono assolutamente d'accordo con te. neppure io sono una puritana, le parolacce che ogni tanto mi scappano sul blog lo dimostrano, ma ecco, non è che sparo il mio blog in tv in piena fascia protetta... onestamente dubito anche dei contenuti di alcuni cartoni animati, tant'è che noi andiamo principalmente di dvd, senza pubblicità pergiunta.
non ho mai amato la tv, ma ultimamente meno che mai. E anche io rimpiago i cartoni delle otto di sera, è vero che al sabato fanno una programmazione per bimbi e ragazzi, ma caspita per vedere un film si deve stare alzati fino a tardissimo, non è normale. credo che la cosa sia studiata per spingere la gente ad abbonarsi a sky e al digitale, ma non ne sono certa. nel dubbio la tv la lascio spenta e apro un bel libro!
Elena ha detto…
è vero quello che dici.. purtroppo l'unica difesa che si ha è quella di spegnere la televisione... e che ancora in qualche modo la Rai si salva... ma Mediaset fa vomitare secondo me!!! io non riesco a guardare quei programmi!! il problema cade come sempre sui bambini... non si possono proprio lasciare da soli davanti alla tv..
MammainblueJeans ha detto…
@diala: magari! io ho mandato una mail all'unione consumatori... ma due è meglio!
@tuttodoppio: daccordissimo. Ma io a sky non mi abbono manco morta... meglio feltrinelli o DVD.
@elena: il proglema è che are, guardare la tv con i filgi fino ai 14 anni? non è giusto, la colpa non è loro. Comunque la tv in camera il nano se la sogna...
Elena ha detto…
eh hai ragione.. è proprio un problema difficile questo.. e del resto per quante attività facciano i bambini, arriva sempre il momento in cui si troveranno davanti alla televisione da soli per ovvi motivi.. bisogna fidarsi dell'educazione che gli si dà e arginare per quanto possibile il tempo davanti alla tv.. anch'io concordo sul fatto che la tv in camera non ci vada.. in camera solo libri o giochi! comunque mi sta proprio sulle palle la tv da questo punto di vista.. perché una volta ho sentito un'intervista ad una giornalista che tutto sommato mi piaceva, e cioé Cristina Parodi, la quale, in merito ad una discussione sul ruolo diseducativo della tv ha detto che la tv non ha il compito di educare, ma quello di intrattenere, l'educazione deve essere affidata ai genitori.. per carità, ha ragione, però la televisione molto spesso manda dei messaggi completamente opposti all'educazione che normalmente si vuole dare ad un bambino.. insomma ci dovrebbe essere un patto educativo rispettato da tutti, e la televisione, dato che è un mezzo utilizzato moltissimo dai bambini, non dovrebbe voltare le spalle a questo problema.. cosa che purtroppo succede! questo per dire che i genitori, come al solito, non possono contare sulla sensibilità di altri, ma devono contare solo su loro stessi
Carpina ha detto…
benvenuta nel club, famigliainbluejeans!
ormai io in famiglia sono l'orca cattiva che spegne sempre la tv, e quando a casa c'è gente, mi si prende in giro, chiedendomi 'perfavore' di accenderla per guardare quel film o quel programma...
ma vaff...

nonostante ciò, o forse proprio perchè ha le antennine attente, il mio cucciolo si sveglia al mattino e mi chiede 'posso guardare la tv?' ben conoscendo la mia risposta, e ciò di diverso che andremo a fare successivamente (è un asso nella costruzione di case e motoccafi con le costruzioni colorate.. :-)

baci,
carpina
MammaTuttoFare ha detto…
concordo pienamente con te, è per questo che cerco di tenere la tv fuori dalle nostre vite come fosse la peste. Finora ci siamo riusciti, la grande (4 anni) quando è a casa non la chiede mai, se la chiede è perchè vuole guardare qualche dvd. I cartoni della tv se li sognano, intanto perchè ho trovato dei cartoni pieni di parolacce e quindi hai volgia di dire "beh, sto tranquilla, tanto sono cartoni" e poi non parliamo della pubblicità che ci mettono in mezzo, che pare incredibile, quando c'è quella vedo lo sguardo della bambina ipnotizzato. Tv in camera? figurati, non ce l'abbiamo nemmeno in cucina!

Post popolari in questo blog

palla fibrosa

accade che quella telefonata arrivi.
accade che il tono della voce dall'altro capo del filo sia basso, e strozzato.
accade che la frase inizi con "ti devo dare una brutta notizia".
pensi al tuo vecchio papà.
a S., principessa malata.

e pensi che lo sapevi che questa cazzo di telefonata sarebbe arrivata, che devi essere forte, che forse sarà un bene.
ma non sai, non immagini.

non puoi sapere che in un ospedale lontano un dottore illuminato ha proposto una risonanza magnetica per un bimbo all'apparenza sano, chissà cosa è scattato in quel dottore, chissà cosa di quel bimbo dagli occhi scuri non gli ha fatto dire di tornare a casa, lui e i suoi paranoici genitori.
chissà.
non puoi sapere.
da medico immagini il brivido nel leggere il risultato, quella scarica di adrenalina  di quando hai azzaccato una diagnosi. hai ragione, signor dottore.
il passo in sala operatoria è breve, l'operazione sarà lunga.
aprire una piccola testa, tagliare i riccioli bruni, togliere quell…

un sorriso

il primo sentimento dovrebbe essere la rabbia.
poi lo sconforto, la tristezza.
accompagnati dalla speranza.

io non ho provato niente. nella mia testa non passava un pensiero che fosse uno. solo uno strano ottundimento del sensorio, uno stato stuporoso, un modo ovattato di fare le cose.
non riuscire a piangere.
non riuscire a pregare.
non avere che poche parole scambiate via sms, coincise, quasi fredde.

sono otto giorni che respira con un tubo in gola, otto giorni in cui la sua mamma è devastata al punto di sembrare pazza, che i suoi nonni hanno perso la testa.
otto giorni in cui suo padre è di marmo.
suo padre.
il mio fratello-cugino.
chiuso nel suo dolore in una stanza di ospedale. a tenere la mano del suo bambino.
una stanza è troppo piccola per contenere tutto questo dolore. troppo fragili le pareti, troppo sottili i vetri. e aspetti che tutto imploda, che il mondo si fermi, e non sai come fare a scendere, e a spingere, perchè il mondo deve andare avanti, deve girare...

dopo sms te…

Storie di letto

Sul lettone, quando teoricamente uno si vuole rilassare, c'è un problema.
La mamma ha solo due lati.
E loro sono tre.
La mamma ha solo due braccia.
Di fronte a cotanta inettitudine materna, il magico trio escogita i seguenti sotterfugi per spostare uno degli altri due e raggiungere l'ambita genitrice.
Il Nano grande, pardon , il Ragazzino, se riesce ad arrivare per primo adotta la tecnica "sonofattodipiombo".
Si incolla al materasso e forte dei suoi ventotto chili, non si muove più.
La Nana, protesta.
S'indigna.
S'impenna.
E a differenza dello Stato di Don Raffaè, non getta la spugna.
Anzi. Arriva a dei livelli di bastardaggine indecenti.
Fa il solletico sotto i piedi, finge di aver visto qualcosa per interessare gli altri due, finge di piangere.
Il mininano, di solito, ci casca in pieno.
Spodestato dal suo posto-accanto-alla-mamma, lui è meno creativo della sorella. La sua tecnica si basa sulla sola forza fisica.
e visto che lui, di fisico, oggettivamente no…