Passa ai contenuti principali

Il quinto giorno...

...il nano è tornato all'asilo.
TRADOTTO:
Ho passato quattro mattine a fare la casalinga disperata.
Ma ho anche fatto mangiare mio figlio per ben quattro pranzi.
Ho dovuto tirare a lucido la casa, che Nonnaccì è pronta ad individuare il minimo grano di polvere.
Ma ho provveduto a farle trovare montagne di roba da stirare.
Ho imparato a memoria il palinsesto di Boing e rai Gulp.
Ma potevo sintonizzare su MTV ogni tanto.

Ho passato tre notti di sonno a singhiozzo, una di sonno ininterrotto ma solo perchè ho minacciato il Tu (o ti alzi stanotte, o chiamo l'avvocata).
Stamane il nano si sveglia piagnucoloso oltre ogni dire, ma la mamma gestapo non si fa intenerire e lo fa portare all'asilo. Per venti minuti ho avuto la casa vuota.
Pace. Desiderio di un lungo bagno bollente, di farmi uno scrub con la crema al cocco che mi ha regalato Favola, magari di una tazza di caffè con un libro davanti.
Voglia di cazzaggiare, come quando avevo vent'anni, e potevo ciabattare in pigiama fino alle undici, e mettere lo smalto sulle unghie. Ballare con "I get knok down" a palla, i miei capaelli ricciuti una massa di serpenti nell'aria; sentirmi forte. E libera.
Adesso una tizia mi guarda dallo specchio, ha occhiaie modello sposa cadavere, capelli che si sono stranamente allisciati stretti con un elastico. Non sorride, non si studia. In realtà non si guarda nemmeno. fa cose meccaniche, si trucca perfino, perchè il grigio può fare preoccupare,e non va bene. ha voglia di piangere, ma non lo farà. A pranzo mangerà verdure bollite e pesce arrosto, anche se di nascosto trova sollievo in un biscotto al cioccolato, in un dolcetto della befana avanzato.
Questa tizia non si vuole bene.
Ama profondamente un nano minuscolo, e suo padre. Progetta un costume di carnevale, chiacchiera con le amiche, scrive i suoi blog e lavora.
Ma non si vuole affatto bene.

Commenti

Silvietta. ha detto…
non so bene perchè ma mi sembra di capirti e di sintonizzarmi con te, forse per un ultimo commento che hai lasciato in rete .. non ho consigli ma voglio lasciarti una cosa che ho fatto oggi per me: un elenco delle piccole cose da 30 secondi che da lunedì in un modo o nell'altro saranno nella mia giornata per ricordarmi che voglio bene a me e al mio corpo. ti abbraccio silvietta
Miks ha detto…
no no no...
non va affatto bene!!!

Lo dico a te ma lo stò dicendo pure a me...

perchè ci riduciamo così??

bella l'idea dei "30 secondi" di silvietta!


un abbraccio
kikka ha detto…
coraggio cara! coraggio!
te lo dice una che in questi giorni si sente toccare il fondo, ma bisogna sempre trovare il coraggio di andare avanti, di tirarsi su e volere prima di tutto bene a noi stesse.. anche se dopo il nano ed il marito, ma bisogna voler bene anche e soprattutto a noi stesse... xchè è da noi che prendiamo il bene da dare agli altri!
coraggio! siamo tutte più o meno nella stessa barca, ma forse insieme ce la faremo!
Anonimo ha detto…
da un po' di tempo a questa parte quando mi guardo allo specchio nemmeno io mi riconosco più. trovare tempo per sé stesse è difficile, ma se riuscissimo ogni giorno a ritagliarci almeno dieci minuti tutti per noi, probabilmente ci sentiremmo meglio.
un abbraccio solidale
mammasidiventa.ilcannocchiale.it
valewanda ha detto…
direi di seguire il consiglio di Silvietta, credo che lo seguirò anch'io...
Mamma Cattiva ha detto…
Scrivere questo blog è un gesto di amore per te stessa perché poi leggi questi commenti di persone che tifano per te. Qui c'è un messaggio ricorrente: inizia dalle piccole cose. Sono le più facili da farsi e quelle che danno soddisfazione in poco tempo. Poi seguiranno quelle più complicate. Leggiti "Donne in rinascita" da Flavia e caricati "innamorandoti per la prima volta di te stessa"...
Carpina ha detto…
ehilà, amicainbluejeans!
I malanni arrivano, ma perfortuna passano!
E' ovvio avere più bisogno di coccole dopo aver passato giornate sfiancanti accanto a un pupetto malaticcio, e prima ancora, con suo padre in pessime condizioni!

Quel bagno caldo, e quello scrub, fatteli: giuro, l'ho provato: sembra difficilissimo, quasi impossibile, ma poi quando ne gioisci, ti senti rinascere.

ps - ma che, sei a dieta? cavoli, dovrò pensarci seriamente anche io.. :-P

bacione,
carpina
Laura ha detto…
Un abbraccio e trova un briciolo di tempo per lo scrub e il bagno caldo. E magari anche per Scrubs...
MammainblueJeans ha detto…
@silvietta: bella idea questa dei trenta secondi...
@miks: non lo so percchè ci riduaciamo così...posso supporre che sia la solita storia che in quanto mamme dovremmo essere FELICI, ma posso sbagliarmi.
@kikka: com'è vero quello che dici! ma mi sembra di essere andata un pochino oltre il fondo...

Post popolari in questo blog

palla fibrosa

accade che quella telefonata arrivi.
accade che il tono della voce dall'altro capo del filo sia basso, e strozzato.
accade che la frase inizi con "ti devo dare una brutta notizia".
pensi al tuo vecchio papà.
a S., principessa malata.

e pensi che lo sapevi che questa cazzo di telefonata sarebbe arrivata, che devi essere forte, che forse sarà un bene.
ma non sai, non immagini.

non puoi sapere che in un ospedale lontano un dottore illuminato ha proposto una risonanza magnetica per un bimbo all'apparenza sano, chissà cosa è scattato in quel dottore, chissà cosa di quel bimbo dagli occhi scuri non gli ha fatto dire di tornare a casa, lui e i suoi paranoici genitori.
chissà.
non puoi sapere.
da medico immagini il brivido nel leggere il risultato, quella scarica di adrenalina  di quando hai azzaccato una diagnosi. hai ragione, signor dottore.
il passo in sala operatoria è breve, l'operazione sarà lunga.
aprire una piccola testa, tagliare i riccioli bruni, togliere quell…

un sorriso

il primo sentimento dovrebbe essere la rabbia.
poi lo sconforto, la tristezza.
accompagnati dalla speranza.

io non ho provato niente. nella mia testa non passava un pensiero che fosse uno. solo uno strano ottundimento del sensorio, uno stato stuporoso, un modo ovattato di fare le cose.
non riuscire a piangere.
non riuscire a pregare.
non avere che poche parole scambiate via sms, coincise, quasi fredde.

sono otto giorni che respira con un tubo in gola, otto giorni in cui la sua mamma è devastata al punto di sembrare pazza, che i suoi nonni hanno perso la testa.
otto giorni in cui suo padre è di marmo.
suo padre.
il mio fratello-cugino.
chiuso nel suo dolore in una stanza di ospedale. a tenere la mano del suo bambino.
una stanza è troppo piccola per contenere tutto questo dolore. troppo fragili le pareti, troppo sottili i vetri. e aspetti che tutto imploda, che il mondo si fermi, e non sai come fare a scendere, e a spingere, perchè il mondo deve andare avanti, deve girare...

dopo sms te…

Storie di letto

Sul lettone, quando teoricamente uno si vuole rilassare, c'è un problema.
La mamma ha solo due lati.
E loro sono tre.
La mamma ha solo due braccia.
Di fronte a cotanta inettitudine materna, il magico trio escogita i seguenti sotterfugi per spostare uno degli altri due e raggiungere l'ambita genitrice.
Il Nano grande, pardon , il Ragazzino, se riesce ad arrivare per primo adotta la tecnica "sonofattodipiombo".
Si incolla al materasso e forte dei suoi ventotto chili, non si muove più.
La Nana, protesta.
S'indigna.
S'impenna.
E a differenza dello Stato di Don Raffaè, non getta la spugna.
Anzi. Arriva a dei livelli di bastardaggine indecenti.
Fa il solletico sotto i piedi, finge di aver visto qualcosa per interessare gli altri due, finge di piangere.
Il mininano, di solito, ci casca in pieno.
Spodestato dal suo posto-accanto-alla-mamma, lui è meno creativo della sorella. La sua tecnica si basa sulla sola forza fisica.
e visto che lui, di fisico, oggettivamente no…