venerdì 19 febbraio 2010

Non c'è due...senza tre!

Notte tra mercoledì e giovedì.
ore 3.30: Il nano si sveglia: è caldo come una caffettiera e pieno di muchi che non lo fanno respirare. Se lo cucca Il Tu perchè mammainbluejeans si trova in coma da digiuno forzato.
ore 6.00: sveglia; biberon e tachipirina. Niente asilo. Mammainbluejeans smuove mari e monti per stare a casa col Nano moccolone.
ore 10.00: Il nano crolla; Mammainbluejeans è libera di fare la casalinga disperata, tenuta su da otto caffè prepara il pranzo, cerca di dare una pulita, ma il Nano malefico si sveglia e lei è ancora in pigiama e capelli a carciofo.
ore 12.30: Il nano decide di scontare il digiuno del mercoledì delle ceneri il giorno dopo, e non tocca cibo. Mammainbluejeans e il Tu pranzano, lei sempre in pigiama.
ore 15.00: il nano si addormenta; i suoi genitori crollano sul divano.
0re 15.10: il nano si sveglia; Mammainbluejeans si alza...e ricomincia.
ore 15.30- 19.00: vortice di cartoni animati, musica, lavaggi al naso e tachipirigna. Mammainbluejeans ha un mal di testa formato famiglia, ma almeno non è più in pigiama.
ore 19.15: telefonata col dottor B. pediatra del nano con un camicione a quadri che fa molto malboro.
"Ciao dottore, sono Mammainbluejeans, il nano ha la febbre, il moccio, la tosse, gli sternuti, non vuole mangiare, non si dorme, mi sono lavata dieci minuti fa, eccetera... "
"Lavaggi al naso.."
"ma se.."
"il fluibron"
"te lo ...?"
"NO"
"Vieni tu? gra..."
"Domani non ci sono, non ci sono tutta la settimana. Anzi, non me ne frega niente se non dormi, perchè vado a un congesso strafigo a sollazzarmi con mia moglie. la dottoressa XX mi sostituisce, ma lei prende appuntamento o niente. Augurami buone vacanze e ciao ciao"
ore 19.30: Mammainbluejeans sta bestemmiando il megacongresso del dott. B.
ore 21.00: il nano, che non ha mangiato ma ha preso lo sciroppo, crolla.
ore 21.02: Mammainbluejeans cerca di svenire sul divano, ma il mal di testa la tiene sveglia.
ore 23.00: il Tu, che da vero maschio bastardo è andato a giocare a calcetto, trova il cadavere di sua moglie sul divano; la manda a letto e si scongela una pizza.
ore 2.00: il nano si sveglia. Mammainbluejeans lo mette nel lettone, lo coccola, poi si ricorda che il figlio ha fatto ramadan e gli fa un biberon di latte.
ore 2.45: il nano dorme.
ore 2.47: scherzava.
La notte è stata un susseguirsi di pianti, sternuti, colpi di tosse.
Stamattina eravamo due zombie. Il nano continua nel suo ramadan, il mio mal di testa va e viene e mio marito ha due occhiaie modello sposa cadavere.
Nonnaccì e nonno Felix sono a casa col nano.
"Amore di nonna...madò è tutto bianco, si vede che gli dai l'antibiotico..."
"Veramente ancora non ha preso l'antibiotico..."
"Madò, si è alzato...questa è la febbre..."
"..."
"Però è patito...che ha mangiato?"
"niente"
"ma come...non hai fatto mangiare il bambino?"

Onestamente, voglio una vacanza!

5 commenti:

Mamma Cattiva ha detto...

E io che pensavo che i veterinari fossero la stessa cosa dei pediatri...;) solidale, tieni duro!

Miks ha detto...

caspita...dopo averti letto sento bisogno di vacanza pure io!!

Scappa...scappa lontano e non farti più trovare!!! :-P

P.S.: ho sentito che quando si stà male e non si ha fame, è meglio non mangiare...il fisico si concentra sulla guarigione invece che sul digerire il cibo, col risultato che si guarisce prima

Pollon72 ha detto...

Caspita che giornate impegnative, ci si stanca solo a leggere il tuo racconto. Un grosso in bocca al lupo per la guarigione del piccolo! ...sono arrivata fin qui saltellando da un blog di mamme all'altro :-)
e speriamo che la primavera arrivi e si porti via tutti questi malanni!

diana ha detto...

mamma mia...............che incubo!!!!
Un abbraccio forte...e prenota una vacanza o anche solo un massaggio e scappa a dormire dall'estestista!!!!

Carpina ha detto...

cara!! piena, pienissima solidarietà.
che pizza i pediatri menefreghisti!!!
tieniti su, e quando state tutti bene, prendetevi due giorni di FERIE. Non aspettiamo di star male fisicamente per saltare uno o due giorni di lavoro..
ovviamente, laddove si può.
Ma magari alle volte si può e non ci si pensa, semplicemente!

Comunque: la primavera arriva. Prima o poi... :-)

bacione,
carpina